cerca

«Brava gente, erano qui da 30 anni»

Ierimattina erano tutti quanti davanti al cancello di casa di Vipan Kumar, il 21enne ucciso dal papà per essere tornato troppo tardi a casa dopo una serata trascorsa al cinema con gli amici. «Non ci saremmo mai aspettati niente del genere - spiegano alcuni amici di famiglia fuori dall'abitazione - perché stiamo parlando di persone normalissime, che da anni gestivano un negozio qui vicino. Sia Vipan che suo fratello davano una mano, ed il padre si è sempre mostrato molto attento e premuroso nei loro confronti: pensate che per i loro compleanni arrivava a spendere anche mille euro per organizzare feste e per comprare loro dei regali. Quanti farebbero lo stesso?». Un fulmine a ciel sereno quindi, tanto che nessuno tra i presenti riesce a darsi una spiegazione plausibile di quanto accaduto. «Forse si è trattato di un attimo di pazzia – raccontano due indiani attoniti sul marciapiede di fronte casa della vittima – perché sono qui da quasi 30 anni e non hanno mai avuto alcun problema né discussioni. Hanno un'attività avviata e sono sempre andati d'accordo con tutti. Credo che nessuno di noi si aspettasse un epilogo tanto drammatico». Nella giornata di oggi intanto, è prevista l'autopsia sul corpo del 21enne indiano. Un atto dovuto prima dell'udienza per la convalida dell'arresto di Vijai Kumar in programma per domani al carcere di Velletri. Cos. Bov.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano volo [VIDEO]

Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari
Il crollo in diretta: ecco il video della voragine sull'Appia

Opinioni