cerca

Il fritto di paranza rischia di sparire

«Se non sarà attenuata la sommaria e ossessiva applicazione sanzionatoria dei divieti (di chiara origine nordica) di pesca e commercializzazione del cosiddetto pesce sotto taglia e cioè di dimensioni inferiori a quelle minime fissate in sede comunitaria, rischiamo di smarrire tipicità gastronomiche di gusto sublime ed inestimabili risorse economiche». Così Arturo Carpignoli, consigliere delegato del Car Scpa Centro Agroalimentare. «Spesso aziende ed imprenditori vengono descritti e trattati da fuorilegge perché su tanti quintali di pesce pescato o venduto, magari, anche solo un paio di chili ha misure inferiori ai rigidi standard comunitari. Ogni Paese ha tradizioni proprie. E nel Mediterraneo la fauna ittica ha dimensioni inferiori a quella nordica».

Il richiamo che si leva dal Centro Agroalimentare di Roma per una più equilibrata e moderata gestione dei divieti di pesca e commercializzazione del pesce cosiddetto sottotaglia è in linea con quanto porposto da Ianì di Lega Pesca affinché sia reintrodotta la tolleranza del 10% per le catture sottotaglia effettuate con gli attrezzi legali del mestiere». R.C.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

"La mia Lazio da Champions ma gli arbitri...". L'intervista a Immobile

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente
Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo

Opinioni