cerca

Don Ciotti alla guida dei 25 mila

Certo,dicevano in tanti, «la camorra c'è e ci sarà», ma intanto oggi, la città considerata epicentro del clan dei Casalesi è scesa in strada a testa alta, ha esposto le lenzuola bianche ai balconi, ha applaudito per dire il suo no. Il papà di Don Peppe, Gennaro Diana, di una cosa è convinto: «Stanno peggio dei morti». «Pensavano di aver conquistato la libertà uccidendo mio figlio - dice - e invece da allora è iniziata la loro fine. Basta guardare quanta gente oggi c'è». Alla gente, ai giovani, don Luigi Ciotti, il presidente di Libera, ha chiesto di essere «profeti come don Diana, di saper leggere il presente». Alla politica ha chiesto che «i diritti diventino carne».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie