cerca

La differenziata arriva in bar e ristoranti

La differenziata arriva in bar e ristoranti

Raccolta differenziata

L'obiettivo è quello di raggiungere in quattro anni il 30% di raccolta differenziata. Un obiettivo ambizioso che porterebbe finalmente Roma al pari delle altre capitali europee. Ecco allora che dopo il ponteziamento della raccolta porta a porta per le utenze domestiche al Torrino sud, Villaggio Olimpico e Trastevere, dove la raccolta ha già segnato il record del 60%, l'amministrazione capitolina e la dirigenza Ama hanno presentato ieri il nuovo piano per la raccolta differenziata porta a porta nei bar e nei ristoranti di tutta la città. Un passo fondamentale non solo per incrementare la raccolta differenziata ma anche per ampliare quel comportamento virtuoso ancora carente in usi e costumi della cittadinanza. A presentare il raddoppio della raccolta porta a porta in bar e ristoranti, gli assessori all'Ambiente e al Commercio, Fabio De Lillo e Davide Bordoni e il presidente e l'amministratore delegato dell'Ama, Marco Daniele Clarke e Franco Panzironi.

«Il Comune si sta impegnando molto per mettere l'Ama nelle condizioni migliori per effettuare la raccolta differenziata e soprattutto per la sua forma sostanziale che è quella del porta a porta - sostiene De Lillo - Attualmente sono soltanto 2.500 le attività di ristori servite da questo servizio e tutte principalmente in centro storico. Ora, arriveremo a portare la raccolta porta a porta in oltre 5.200 attività, tra bar, ristoranti, tavole calde, in tutti i Municipi, pari al 50% dei pubblici esercizi della città». La consegna dei kit informativi e dei bidoncini per la differenziata è già incominciata e si concluderà entro aprile. Mentre la messa a regime dell'intero sistema è prevista entro l'estate. «Il servizio di raccolta avverrà tutti i giorni - annuncia Panzironi - Del resto, stiamo già sperimentando il servizio di raccolta 24 ore su 24 in XVII e in XVIII Municipio, con ottimi risultati in termini di decoro e di contenimento dei cassonetti. Dal primo aprile estenderemo il servizio continuo anche al VI e al IX Municipio, e speriamo di estenderlo completamente nel giro di otto, nove mesi».

Soddisfatto il presidente Clarke che sottolinea l'obiettivo «di estendere la differenziata porta a porta anche ai centri commerciali» e della necessità, in vista di un sensibile incremento della differenziata «di un ampliamneto dell'impianto di Maccarese». Spetta invece all'assessore Bordoni mettere l'accento su come la svolta della differenziata «coinvolgerà tutti i pubblici esercizi, perché l'obiettivo è quello di arrivare ad offrire il servizio al 100% delle attività». Un incremento, quello della raccolta differenziata che segna già una crescita del 2% in meno di due anni, attestandosi a Roma al 19,51%. Di conseguenza occorre pensare agli impianti che ben presto potrebbero rivelarsi non sufficienti.

«Alemanno e Marrazzo dovrebbero presto arrivare a un accordo - auspica Panzironi - certamente servono maggiori investimenti da parte della Regione proprio sugli impianti». Torna poi sul tavolo politico la questione della prima discarica gestita da Ama e dell'individuazione dell'area. Alcune indiscrezioni, già aniticipate da questo giornale, indicano l'area di Allumiere, e lo stesso Panzironi ha confermato ieri questa ipotesi. «Si tratta di un'eventualità già nota da tempo - ricorda l'Ad di Ama - considerata la presenza nelle sue vicinanze di infrastrutture di trasporto, come ad esempio la ferrovia, funzionali alla realizzazione di un'eventuale discarica».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie

Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo
Il camion dell'Atac blocca il tram.  I passeggeri lo spostano a spinta

Opinioni