cerca

Roscioli: «Aspettiamo i risultati o commetteremo l'errore di Natale»

Aparlare è Giuseppe Roscioli, presidente della Federalberghi Roma. L'errore al quale si riferisce è l'aver previsto un 20% in meno di prenotazioni negli alberghi della Capitale a circa tre settimane dal 25 dicembre per poi doverlo ridimensionare al -8% grazie ai last minute. Questa volta Roscioli ci va con i piedi di piombo. «Se dovessi fare una stima oggi per la Pasqua in arrivo dovrei direi il 20% in meno rispetto allo scorso anno. Ma non credo sarà così perché il picco delle prenotazioni a Roma dovrebbe verificarsi proprio a ridosso dei primi giorni di aprile, allora potremmo fare un bilancio vero e proprio». Certo, il settore alberghiero non se la passa affatto bene. «Il 2008 nella Capitale ha chiuso con il 5% in meno di arrivi e i primi tre mesi del 2009 segnano -9% sullo stesso periodo dello scorso anno - conferma il presidente di Federalberghi - stiamo pagando la crisi e abbiamo perso segmenti importanti di turismo come gli inglesi. Di questo passo potrebbe essere a rischio la sopravvivenza di molte aziende e il lavoro di altrettanti dipendenti. Il sistema per il momento tiene, ma bisogna investire sulle infrastrutture e guardare a mercati emergenti come la Cina e l'Est Europa». Dam.Ver.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo