cerca

Stalking, Ostia «ingaggia» Bruno

«Ostia è un luogo perfetto per commettere reati come lo stalking, ma anche per lo stupro», ha detto Bruno, criminologo e neuropsichiatra, a margine del convegno «Genesi del conflitto famigliare e sociale. Stalking e evoluzione della violenza» tenutosi ieri mattina nella biblioteca Elsa Morante di Ostia. «Questo Municipio, come altre periferie, ha, infatti, tutti i guai della grande città - continua - ma concede ai criminali il lusso del tempo. Commettere una violenza a villa Borghese sarebbe impossibile, mentre un delinquente non avrebbe alcun problema nella pineta di Ostia, così come è avvenuto nel parco della Caffarella». Il problema della violenza in generale e della persecuzione delle donne (stalking) per Bruno risiede nella mancanza di controllo sociale: «Occorrerebbero delle ronde in famiglia, perché è da qui che germina la violenza». Il seme della violenza secondo il criminologo «nasce in famiglia, dove nella maggior parte dei casi oggi mancano l'amore incondizionato della madre e l'autorità paterna». Dieci anni di studio sullo stalking e l'amore che lo lega a Ostia dall'infanzia, sono gli ingredienti della futura collaborazione con il XIII municipio per organizzare un progetto anti stalking.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo