cerca

«Gratta e vinci» falsi, taroccata la fortuna

Un27enne, amministratore della società distributrice dei tagliandi è stato denunciato. Fingendosi clienti, i poliziotti hanno accertato che in alcuni bar, tabaccherie ed edicole di concorsi a premi «Gratta e vinci», consentivano di vincere, oltre a somme di denaro, anche ricariche telefoniche o buoni per acquisti, collegandosi a siti internet ma di fatto ciò non era possibile. Dalle indagini, che prendono le mosse anche dal bliz della Guardia di Finanza qualche settimana fa, è emerso che i concorsi a premi erano privi delle necessarie autorizzazioni amministrative e che i biglietti a premio non riportavano nessuna simbologie che ne attestassero la legalità. Sui tagliandi, ad esempio, doveva essere stampato il bollino con almeno uno dei quattro loghi previsti: vale a dire «Gratta e vinci», «Gioco sicuro», «Consorzio lotterie nazionali» o «Aams».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano volo [VIDEO]

Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari
Il crollo in diretta: ecco il video della voragine sull'Appia

Opinioni