cerca

EMERGENZA MIGRANTI

Salvini rilancia: "Porti chiusi alle navi internazionali". Ma è scontro con la Difesa

Salvini rilancia: "Porti chiusi alle navi internazionali". Ma è scontro con la Difesa

Porti italiani chiusi anche per le navi militari delle missioni internazionali che dovranno sbarcare altrove i migranti salvati in acque Sar libiche. Il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini  annuncia un  ulteriore giro di vite, dopo aver chiuso i porti alle navi delle Ong. Ma è scontro con la Difesa: "Eunavformed è una missione europea ai livelli Esteri e Difesa, non Interni. Quel che vanno cambiate sono le regole di ingaggio della missione" e occorre "farlo nelle sede competenti, non a Innsbruck". L'azione, sottolineano le fonti, "deve essere coordinata a livello governativo, altrimenti l'Italia non ottiene nulla oltre a qualche titolo sui giornali, fermo restando che la guida italiana per noi e' motivo di orgoglio". 

Il casus belli è stato lo sbarco di Messina: al porto sono arrivate 106 persone a bordo di una nave della marina militare irlandese. Il via libera ha destato le critiche di chi metteva in evidenza un sistema di gestione degli sbarchi diverso a seconda che la nave sia di una Ong o militare. Ad arrivo avvenuto, il capo del Viminale ha tuonato: "Giovedì porterò al tavolo europeo di Innsbruck la richiesta italiana di bloccare l'arrivo nei Porti italiani delle navi delle missioni internazionali attualmente presenti nel Mediterraneo"

Il vertice a cui Salvini si riferisce è quello che si terrà nella città austriaca alla presenza dei ministri dell'Interno dei paesi dell'Unione, primo summit nell'ambito della presidenza di Vienna dell'Ue scattata il primo luglio. Sarà a quel tavolo che il ministro oltre a chiedere, come già spesse volte annunciato, aiuto più per le frontiere esterne che interne, cercherà di mettere in discussione gli accordi dell'operazione Sophia che "va certamente modificata". Di "folle accordo" parla anche il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli. Si tratta in realtà di un'operazione decisa in sede di Unione Europea, a guida italiana, rinnovata nel luglio dello scorso anno che ha come compito principale la lotta al traffico e alla tratta degli esseri umani.

Ma Salvini non ci sta, considera quegli accordi una "stortura" del sistema di soccorso nel Mediterraneo e vuole dargli una spallata. Forte dei sondaggi che lo danno costantemente in salita anche grazie alle sue politiche del '#primagliitaliani', il capo del Viminale si presenterà dunque a Innsbruck non solo per ascoltare i colleghi di Germania e Austria che cercheranno di convincere l'Italia a riprendersi i migranti che varcano i confini, ma soprattutto per aumentare l'altezza di quel muro simbolico che vorrebbe erigere tra l'Italia e l'Africa. Per discutere di queste questioni e di come impostare la strategia, domani Salvini incontrerà il premier Giuseppe Conte. Prima andrà al Quirinale a "raccontare le cose fatte nel primo mese da ministro". Al Colle dovrà cercare i toni e i temi giusti per farsi ascoltare, fuori dalla retorica roboante dei social.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Angelino

    Cherubini

    23:11, 08 Luglio 2018

    Salvini forever

    Chi recupera i profughi se li porti a casa sua!!!! Voterò Lega finchè vivo e me ne frego se i soliti Giudici di Sinistra cercano di screditare chi non la pensa come loro!!!!

    Rispondi

    Report

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie