cerca

fratture di governo

Emergenza immigrazione, scoppia il caso Nogarin

"Pronti a ospitare i migranti". Poi il sindaco di Livorno cancella il post

Emergenza immigrazione, scoppia il caso Nogarin

Diventa un caso il post del sindaco M5S, Filippo Nogarin, poi rimosso. Non appena esplosa l'emergenza immigrazione e la polemica sulla chiusura dei porti italiani il primo cittadino di Livorno si era detto pronto ad accogliere "la nave Acquarius con il suo carico di 629 vite umane". Il post però è stato rimosso poco dopo.

Per primo era intervenuto il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. Poi Catania, Palermo, Messina, Reggio Calabria, Taranto, e alla fine anche Livorno con il grillino Nogarin: tutti dalla parte dei migranti e contro il governo per la chiusura dei porti. Ma a differenza degli altri Nogarin, dopo l'annuncio pubblicato su Facebook, ha cancellato il post senza dare spiegazioni, scatenando la polemica social. Solo dopo qualche ora di silenzio è stato il sindaco stesso a rivelare: "La mia posizione è quella espressa in quel post su Facebook poi rimosso ma- ha spiegato ad Affaritaliani.it - si tratta della mia posizione personale e non del M5s nazionale". Ma perché il post è stato rimosso? "Per evitare di creare casi diplomatici e mettere in difficoltà il governo", spiega il sindaco.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Dall'elicottero ai Fori: il lancio mozzafiato con il Tricolore

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda