cerca

IL CENTRODESTRA DEL FUTURO

Sì alla riabilitazione. Così Silvio Berlusconi può tornare in Parlamento

Elezioni suppletive in caso di dimissioni di un eletto con l'uninominale. E in ottobre si vota in Trentino Alto Adige

Sì alla riabilitazione. Così Silvio Berlusconi può tornare in Parlamento

Dopo la riabilitazione del Tribunale di sorveglianza di Milano, Silvio Berlusconi vede più vicino il suo ritorno in Parlamento. Cancellati tutti gli effetti della condanna subita nell’agosto del 2013 per frode fiscale nell’ambito dell’inchiesta Mediaset, il Cav è di nuovo candidabile alle prossime politiche.

In mancanza di voto anticipato, l’ex premier potrà tentare di entrare subito in Parlamento grazie alle elezioni suppletive, previste dal Rosatellum, ovvero quelle che si tengono ogni qualvolta un parlamentare si dimette in un collegio uninominale. Basterebbe, insomma, un «prestanome» e il gioco è fatto. La prima finestra utile, come proposto da Michaela Biancofiore, sarebbe quella delle regionali in Trentino Alto Adige, che dovrebbero tenersi il 21 o il 28 ottobre prossimi, dove ci sarebbero alcuni uninominali disponibili (alla Camera e al Senato) e i probabili candidati alla presidenza sono tutti parlamentari in carica, in quota FI e Lega.

Il primo collegio «libero», sarebbe quello maggioritario camerale di Pergine-Valsugana per il quale dovrebbe correre l’attuale deputato leghista Maurizio Fugatti, che potrebbe cedere il posto al Cav. In ballo, ma a palazzo Madama, anche i seggi delle senatrici in carica, Elena Testor (procuradora dei ladini eletta sempre a Pergine-Valsugana) e Donatella Conzatti (eletta nel collegio Rovereto Valle Garina). Al momento, raccontano, Berlusconi ancora non avrebbe deciso sul da farsi, anche se il pressing azzurro per candidarsi subito si fa sempre più forte. «Sarà il presidente, a questo punto, a valutare e decidere qual è la soluzione migliore», spiega Giorgio Mulè, portavoce dei gruppi forzisti, che aggiunge: «Penso che molto dipenderà dall’evoluzione della crisi successiva al voto del 4 marzo».

Anche un altro fedelissimo della prima ora come Adriano Galliani invita a non tirare per la giacca l’ex premier: «Ricandidarsi con le suppletive? Questo lo vedrà lui, la decisione spetta solo a lui e deciderà secondo giustizia, come sempre». In queste ore il forcing di FI sul Cav è quasi asfissiante. In tanti, infatti, gli chiedono di tornare al Senato e far sentire il suo peso politico. «Da quando i parlamentari hanno letto la notizia della riabilitazione - rivela Mulè - è un susseguirsi di offerte di dimissioni di chi è stato eletto negli uninominali per consentire l’ingresso immediato di Berlusconi in Parlamento. Questo a dimostrazione dell’attaccamento, della fiducia e della stima che ognuno di noi ripone nel presidente».

La Biancofiore non ha dubbi, le regionali in Trentino offrirebbero l’occasione giusta per il ritorno del Cav: «Nel mio Trentino Alto Adige è pronto un collegio per lui ad ottobre che gli permetterebbe, salvo elezioni politiche nazionali anticipate, di rientrare immediatamente in Parlamento. E in Trentino i probabili candidati alla presidenza sono tutti parlamentari in carica». Tra i precedenti il più eclatante è quello del 1997, quando Antonio Di Pietro diventò senatore grazie alle suppletive che si tennero nel Mugello, perché si dimise Pino Arlacchi, eletto con il Pds, che intanto aveva accettato un incarico all’Onu.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari