Il voto nel Lazio

Parisi a Il Tempo: "Avevate ragione voi. Pirozzi in campo per farmi perdere"

Daniele Di Mario

Parla il candidato sconfitto del centrodestra alla presidenza della Regione. "Sergio ha giocato sporco"

«Alle condizioni date, nonostante la sconfitta, non posso che ritenermi soddisfatto. Insomma, sono contento, anche se non ho vinto». Il day after è agrodolce per Stefano Parisi, il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Lazio sconfitto al fotofinish dal governatore uscente di centrosinistra Nicola Zingaretti. Alla fine Parisi perde per circa 50milavoti, un’inezia. Un risultato ancora più amaro, se si considera che Sergio Pirozzi ha portato via al centrodestra oltre 150mila voti.

Parisi, come si sente il giorno dopo la sconfitta?
«Sono ovviamente amareggiato, ma comunque soddisfatto. Era onestamente un’impresa molto difficile alle condizioni date».

Ha perso per soli 50mila voti.Vincere poi non era così impossibile, non trova?
«Si poteva vincere. Ma nella situazione in cui ci siamo trovati era onestamente difficile. Avevamo un candidato alternativo, inoltre Zingaretti è sulla scena da dieci anni: cinque da presidente della Provincia e altrettanti da governatore. Io mi sono affacciato da appena un mese sulla politica romana. Nonostante questo ho preso quasi un milioni di voti, perdendo di appena 50mila preferenze, con un candidato alternativo che ce ne ha portate via 150mila. Attorno a me ho incontrato tanto entusiasmo e calore umano, un affetto che porterò sempre con me...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.