cerca

5 Stelle cadenti

"Pochi soldi e onestà". Le bufale grilline prima di Rimborsopoli

Martelli, Cecconi e gli altri: tanti proclami e promesse. Rivendicavano: "Abbiamo rinunciato ai privilegi" e "Legalità prima di tutto"

"Pochi soldi e onestà". Le bufale grilline prima di Rimborsopoli

E alla fine toccò anche a loro. Agli interpreti della gogna internettiana, abituati a metter sulle pagine web nome e foto del «giornalista del giorno» per esporlo al pubblico ludibrio oppure, con medesimo scopo, i parlamentari dei partiti avversari rei di votare in un certo modo. Ora è la nemesi: dieci nomi messi in colonna sul sito delle «Iene», con «l’accusa» di aver contravvenuto all’impegno assunto con gli elettori di restituire parte dei loro stipendi. C’è chi, come Barbara Lezzi e Massimiliano Bernini, è subito corso al contrattacco smentendo e dimostrando la regolarità dei bonifici (su Bernini, peraltro, nella serata di ieri sarà lo stesso Di Maio a confermare come sia stato il «restitutore» più fedele). Ma emerge da tutto questo la grande contraddizione con la professione di onestà e superiorità morale da sempre rivendicata. Anche dai «fantastici 10». Allora risuonano le parole di Carlo Martelli, tempo fa a Uno Mattina: «Il metodo che noi portiamo avanti è: prima i cittadini e la legalità». E poi Andrea Cecconi...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • franco

    mansullo

    19:07, 25 Febbraio 2018

    La differenza

    Più si pubblicano questi articoli, è più crescerà il Movimento 5stelle, infatti come afferma Grillo non c'è alcuna differenza tra il PD e il PdL, i quali si differenziano solo per una L.

    Rispondi

    Report

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari

Opinioni