L'uscita del grillino

Di Battista: "Gli italiani? Li vedo molto rincoglioniti". È bufera

"Io non lo so, perché gli italiani li vedo molto rincoglioniti. Ora faranno polemica, ma è la verità: è un popolo strano. Io potrei anche alzare il telefono e chiamare Calenda, ma a che serve?". Con queste parole pronunciate ai cancelli dell’Embraco a Riva di Chieri (Torino), la fabbrica che ha annunciato 500 licenziamenti, il deputato uscente M5S Alessandro Di Battista ha provocato una bufera.

 L'hashtag #DiBattista è diventato ben presto trend topic su Twitter. "Di Battista non sa se il M5S riuscirà ad arrivare al governo perché vede noi italiani un po' 'rincoglioniti'. Caro Di Battista, se questo significa non votare il M5S, allora ben venga. Vuol dire che abbiamo a cuore le sorti di questo Paese", twitta Mariastella Gelmini, deputata di Forza Italia e coordinatrice lombarda.  "Di Battista come Berlusconi: se gli italiani non votano M5s sono 'rincoglioniti'. Quando il Cavaliere diede dei 'coglioni' agli elettori che non lo votavano, nel 2006, perse le elezioni con Prodi. Nervosismo M5s per le gaffe continue Di Di Maio e il calo nei sondaggi?", scrive invece David Ermini, parlamentare del Pd.

A sfogarsi sono soprattutto utenti, moltissimi, che sparano a zero sul grillino, difeso da una folta schiera di fan.  "Sia chiaro io non ho insultato nessuno e non sto chiedendo il voto ai 5 stelle, votate per chi volete, lo dico da uomo libero perché volo alto e sono un uomo libero - ha replicato Di Battista su Facebook -  Questo paese sta morendo, lo hanno reso marcio e sta a ognuno di noi schierarsi. Questo non è un popolo che è stato abituato a subire? Sì, è un popolo che ha subito angherie Di potenti e che spero si possa riscattare".

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.