sopravvissuto

Elezioni, tra gli ex An si salva solo Gasparri

Antonio Rapisarda

Il vicepresidente del Senato ricandidato capolista in Forza Italia. È l’unico di destra. Gli azzurri e gli alleati centristi fanno fuori Aracri e Augello

«Ne resterà soltanto uno», sentenziava l’immortale Connor MacLoed nel telefilm Highlander. E nel Lazio in Forza Italia uno solo è rima- sto davvero. Parliamo degli ex Alleanza Nazionale, o meglio di ciò che resta di quella cordata di post-missini che era stata chiamata a rappresentare l’ala destra del movimento azzurro dopo la scissione (consensuale) con Fratelli d’Italia. E a farlo, nello specifico, in una regione da sempre roccaforte e laboratorio per la destra italiana come il Lazio.

Nelle liste per il prossimo Parlamento, infatti, «l’ultimo giapponese», sempre per rimanere nel gioco delle metafore, è Maurizio Gasparri, già colonnello di An e oggi uomo forte tra gli azzurri in regione, candidato al Senato nel collegio Lazio 2. Toccherà a lui – a maggior ragione dopo la tragica scomparsa di Altero Matteoli, il grande vecchio degli ex Msi di origini toscane – l’onere di rappresentare in solitudine la cordata «nazionale» e laziale dentro la prossima legislatura nel partito di Silvio Berlusconi. Se nelle liste di Forza Italia un po’ ovunque rientrano...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.