cerca

PROFONDO ROSSO

I dodici mesi che sfasciarono il Pd

Sondaggi horror, scissione, fuga dei militanti e stop elettorali. Renzi archivia l’anno più duro ma si prepara alla nuova batosta alle Politiche

I dodici mesi che sfasciarono il Pd

Matteo Renzi

Sugli scaffali del Nazareno verrà archiviato come «annus horribilis». Per il Partito Democratico, il 2017, è iniziato male e finito peggio. Matteo Renzi comincia l’anno con ancora le ferite vive per la sonora sconfitta al referendum costituzionale del 4 dicembre 2016. Ma non ha il tempo di riprendersi, perché a metà febbraio dovrà incassare un altro duro colpo: dimissioni da premier e anche da segretario del Pd. In due mesi, dalle stelle alle stalle. È la politica.

Ma da buon democristiano, l’ex premier riprende il cammino. Primo obiettivo, le primarie per tornare alla guida del partito. Ma anche a fine aprile arriva un altro boccone amaro. Sì, dai gazebo esce vittorioso, ma con una percentuale di consensi (69,2%) più o meno come quella del 2013 (67,8%). E, con l’aggravante, di aver fatto rimanere a casa circa 1,2 milioni di elettori. Infatti, il popolo del centrosinistra è passato dai circa...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • franco

    mansullo

    20:08, 31 Dicembre 2017

    Non ha capito nulla

    Povero Renzi, è talmente preso dalle arie Berlusconiane che non sta capendo proprio niente. Sia lui come berlusconi, stanno scendendo le scale.

    Rispondi

    Report

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari

Opinioni