cerca

LA RIFORMA

Legge elettorale, come funziona il Rosatellum bis

Legge elettorale, come come funziona il Rosatellum bis

Il "Rosatellum bis" prevede un sistema elettorale misto, in cui la distribuzione dei seggi è per il 36% maggioritaria e per il 64% proporzionale. In particolare, 231 seggi alla Camera e 116 seggi al Senato vengono assegnati attraverso collegi uninominali con formula maggioritaria, in cui vince il candidato più votato. L'assegnazione dei restanti seggi, invece, avviene con metodo proporzionale, nell'ambito di collegi plurinominali. In questo caso sono previsti dei listini molto corti, con un minimo di due e un massimo di quattro candidati.

UN'UNICA SCHEDA, NO AL VOTO DISGIUNTO
Il voto è unico e non è prevista la possibilità del voto disgiunto. La nuova scheda elettorale reca il nome del candidato nel collegio uninominale ed il contrassegno della lista o delle liste collegate, corredate dei nomi dei candidati nel collegio plurinominale. L'elettore vota il contrassegno della lista prescelta ed il voto è attribuito anche al candidato.

CHI VIENE ELETTO
Nei collegi uninominali il seggio è assegnato al candidato che consegue il maggior numero dei voti. Per i seggi da assegnare alle liste nei collegi plurinominali, il riparto avviene a livello nazionale, con metodo proporzionale, tra le coalizioni di liste e le liste che abbiano superato le soglie di sbarramento. Il deputato eletto in più collegi plurinominali è proclamato nel collegio nel quale la lista cui appartiene ha ottenuto la minore percentuale di voti validi rispetto al totale dei voti validi del collegio. Il deputato eletto in un collegio uninominale e in uno o più collegi plurinominali si intende eletto nel collegio uninominale.

SBARRAMENTO - AL 3% PER LE LISTE E AL 10% PER LE COALIZIONI
I partiti possono presentarsi da soli o in coalizione. La coalizione è unica a livello nazionale. I partiti in coalizione presentano candidati unitari nei collegi uninominali. Lo sbarramento è al 3% per le singole liste e al 10% per le coalizioni. Per le coalizioni non vengono comunque computati i voti dei partiti che non hanno superato la soglia dell'1 per cento.

PLURICANDIDATURE E SOGLIE DI GENERE
Nei collegi plurinominali sono possibili un massimo di cinque pluricandidature. Il Rosatellum bis poi prevede specifiche disposizioni per garantire la rappresentanza di genere. "Nei collegi uninominali - si legge nel testo - nessuno dei due generi può essere rappresentato in misura superiore al 60%". Il rapporto è valido anche per i collegi plurinominali, nei quali si prevede che la quota massima 60-40 venga rispettata a livello regionale.

TAGLIANDO ED ISTRUZIONI
È previsto anche un "tagliando antifrode" per le schede elettorali, che saranno fornite di tagliando rimovibile con un numero progressivo, che sarà annotato prima che l'elettore entrerà nella cabina per votare. In questo modo si potrà evitare lo scambio con frode di schede prestampate. Sulla scheda elettorale ci saranno anche istruzioni per informare gli elettori su come verrà distribuito il loro voto.

 

 

DELEGA AL GOVERNO PER DISEGNARE I COLLEGI - Il testo reca una delega al Governo, da esercitare entro 30 giorni dall'entrata in vigore della legge, per la determinazione dei collegi uninominali e dei collegi plurinominali della Camera e del Senato, previo parere delle competenti Commissioni parlamentari.

 

 

RACCOLTA DELLE FIRME - I partiti o le nuove formazioni che non sono in Parlamento o non hanno un proprio gruppo per candidarsi dovranno raccogliere, per le prossime elezioni, 750 firme. A partire dal prossimo turno elettorale il numero verrà raddoppiato. Sempre e solo per questa tornata, gli avvocati cassazionisti potranno autenticare le firme per le liste elettorali. Sono esentati dalla raccolta i partiti che si sono formati prima del 15 aprile 2017.

 

 

TRENTINO ALTO ADIGE - Il Rosatellum assume quanto votato dalla Camera a giugno con l'ok a scrutinio segreto all'emendamento Fraccaro-Biancofiore: saranno sei i collegi uninominali e cinque proporzionali.

 

 

NORMA 'SALVA VERDINI' - L'art. 5 prevede anche, dopo l'approvazione venerdì in commissione Affari costituzionali dell'emendamento a firma Lupi ribattezzato 'salva Verdini', che "gli elettori residenti in Italia possono essere candidati in una sola ripartizione della circoscrizione estero".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • danilo

    ghezzi

    12:12, 13 Ottobre 2017

    rosatellum

    Ormai il 5 stelle e MDP cantano all’unisono quindi gratta il 5 stelle e sotto ci trovi sempre loro, i comunisti !

    Rispondi

    Report

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni