cerca

IL BLUFF DEL NORD

Ecco quanto costa il referendum inutile

Lombardia e Veneto vogliono pagare meno soldi a Roma ma poi buttano 64 milioni. Cartelloni, messaggi su mezzi pubblici e web. E 24mila tablet per il voto elettronico

Ecco quanto costa il referendum inutile

Il governatore della Lombardia Roberto Maroni

Vogliono dare meno soldi allo Stato-sanguisuga ma spendono 64 milioni di euro per un referendum che non è neanche necessario. È quanto avviene in Lombardia e Veneto, dove i governatori Maroni e Zaia hanno chiamato i cittadini ad esprimersi sulla richiesta di maggiore autonomia.

L’appuntamento è fissato per il 22 ottobre, ma lo spreco di denaro è iniziato molti mesi fa. Un esempio? Questa estate il Pirellone ha deciso di acquistare ben 24mila tablet per il voto elettronico (in Veneto, invece, si utilizzeranno ancora scheda cartacea e matita). Costo: 22 milioni di euro. In pratica, 916 euro a «tavoletta». Le critiche non sono mancate, così Maroni ha annunciato che, una volta utilizzati, donerà i tablet alle scuole.

Il referendum, in realtà, non è necessario, in quanto solamente consultivo. Non è altro che un sondaggio sul gradimento della popolazione. La richiesta di maggiore autonomia può essere inoltrata allo Stato anche senza questo strumento. Basta che sia decisa dall’assemblea regionale che conferisce ai propri amministratori l’incarico di trattare con il Parlamento (come ha fatto ieri proprio l’Emilia Romagna). Solo Camera e Senato, infatti, possono «allargare» le competenze regionali, approvando una legge a maggioranza assoluta. Nelle ultime settimane sia...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni