cerca

TORMENTI DEMOCRATICI

Primarie Pd, scontro sui risultati
Orlando contesta: Renzi sotto al 70%

Primarie Pd, è scontro sui risultatiOrlando contesta: Renzi è sotto il 70%

La soglia psicologica per evitare il flop mediatico delle primarie del Pd era un milione di votanti, e il risultato è stato raggiunto con 1.848.658 dem - questi i dati non ufficiali noti finora - che si sono presentati domenica scorsa ai gazebo per scegliere il segretario. Quella per definire un trionfo di Matteo Renzi poteva essere il 70%, risultato poi raggiunto dall'ex premier. Mentre c'è attesa per i risultati ufficiali, non ancora noti, ecco quelli ufficiosi comunicati dal Partito democratico: Andrea Orlando 357.526 volt (19.50%) Michele Emiliano 192219 (10.49%) Matteo Renzi 1.283.389 (70.01%), 15.524 tra schede bianche e nulle. Asticella del 70% superata per un pelo, ma che Orlando contesta: Renzi si fermerebbe al 68%. Lo staff del ministro della Giustizia fa sapere che non è l'unico risultato  diverso dalle attese. Sarebbe infatti da rivedere al ribasso l'affluenza, tra il milione e 600 mila e il milione e 800 mila secondo gli orlandiani, e al rialzo il risultato del ministro (avrebbe in realtà incassato il 22,2 %, Emiliano il 9,8) che supererebbe così l'altra soglia psicologica del 20%.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • 22:10, 06 Maggio 2017

    Plinio

    Che buffi questi sx.: se la cantano e se la suonano.

    Rispondi

    Report

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni