cerca

POLITICA & POLEMICHE

Sviste, omissioni, bugie: era meglio quando Fini taceva

Ripete di aver commesso errori e non reati. Ma oggi è costretto ad ammettere tutto sulla ristrutturazione

Sviste, omissioni, bugie: era meglio quando Fini taceva

Gianfranco Fini

Domenica scorsa alla trasmissione «L'Arena» su Rai 1 sono stati sviscerati i punti salienti e più scottanti dell'inchiesta della Procura di Roma che ha portato all'arresto dell'imprenditore del gioco Corallo e all'iscrizione nel registro degli indagati per riciclaggio trasnazionale di Gianfranco Fini, la moglie, il cognato e il suocero. Fini, seppur invitato, non ha voluto partecipare al programma di Massimo Giletti, poi, però, ha chiesto alla Rai una puntata «riparatrice».

Ieri sera è stato quindi ospite di «Porta a Porta» per raccontare la sua versione sulla casa di Montecarlo e sui rapporti tra Corallo e i Tulliani. Per sommi capi ha ripetuto quello che aveva già riferito ai pm Prestipino e Sargenti nel suo interrogatorio del 10 aprile, svicolando però le domande più spinose, contraddicendo alcuni dei risultati a cui sono arrivati i finanzieri dello Scico e dando per scontate circostanze negate con forza quando, da presidente della Camera, venne travolto dal «ciclone Montecarlo». Insomma, il solito Fini: «Ho fatto errori, non reati». Ma vediamole le ennesime sviste, omissioni, dimenticanze su Corallo e Montecarlo...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni