cerca

IL VOTO DEL SENATO

Caso Consip, bocciata la sfiducia al ministro Lotti con 161 no

Caso Consip, bocciata la sfiducia al ministro Lotti con 161 no

Dopo giorni di polemiche e accuse, il ministro Luca Lotti e tutto il governo Gentiloni tirano un sospiro di sollievo. La mozione di sfiducia contro il responsabile del dicastero dello Sport, fedelissimo dell’ex premier Renzi, è stata bocciata dal Senato con 161 no.

Determinato ma sorridente, Lotti non è indietreggiato di un millimetro: «La mozione di sfiducia mette in discussione la mia moralità, prima ancora del mio ruolo politico - ha esordito in Aula - Mi rivolgo ai senatori per respingere questo tentativo. I fatti sono chiari. Io non ho mai passato informazioni riservate a Marroni. Sostenere il contrario significa incorrere in un reato di calunnia». Insomma, ha insistito il ministro, «né io né i miei collaboratori abbiamo fatto qualcosa di illegittimo. È in corso una vergognosa strumentalizzazione». Tuttavia, ha tenuto a precisare Lotti, l’accetto «a testa alta e a viso aperto. A quelli che sputano sentenze voglio dire vi aspettiamo in tribunale. E chi ha pesantemente insultato il buon nome della mia famiglia e di chi lavora con me abbia il coraggio di rinunciare all’immunità parlamentare». E se sia il capogruppo di Forza Italia, Romani, sia quello del Pd, Zanda, hanno contestato lo stesso uso della mozione di sfiducia individuale («La responsabilità politica è collettiva, dunque del governo nel suo complesso» hanno detto), si sono schierati contro «il processo in Aula», peraltro basato soltanto, ha ricordato Zanda, sulle ricostruzioni uscite sui giornali e non su documenti ufficiali. Dunque hanno bocciato la mozione (il Pd votando contro, FI uscendo dall’Aula). Il MoVimento 5 Stelle, invece, non ha fatto sconti: «È normale e sacrosanto che la maggiore forza politica di opposizione senta il dovere di vigilare e chiedere un passo indietro a chi sta procurando discredito alle istituzione» ha detto Michela Montevecchi, che ha aggiunto: «Lo facciamo con uno strumento legittimo che ci è dato dalla Costituzione, difendendo le prerogative del Parlamento. Non lo facciamo per altri scopi ed altri fini o per trasformare quest'Aula in una gogna mediatica o ancora in un'aula processuale. La questione è politica ed etica». Poi si è rivolta al ministro Lotti: «Lei non ha dato chiarimenti e non ci risulta che sia stata emanata alcuna nota stampa in cui emergesse la sua preoccupazione di informare i cittadini di aver sporto querela» contro chi lo accusa. In questo caso, ha spiegato, «non c'entra il garantismo», il punto  è «la responsabilità politica ed etica» perché quel che emerge dalle indagini «è che un pezzo dello Stato ha ostacolato il lavoro di un altro pezzo dello Stato».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni