cerca

LA GUERRA NEL PD

D'Alema sfrutta la dittatura dello spread: "Col voto conti a rischio"

D'Alema sfrutta la dittatura dello spread: "Col voto conti a rischio"

La vittima più illustre della dittatura dello spread fu Silvio Berlusconi, costretto sei anni fa a lasciare il testimone di Palazzo Chigi all'esecutivo guidato da Mario Monti. Oggi lo spettro dello spread è tornato. Il famigerato differenziale tra i bund tedeschi e i btp decennali "balla" attorno a quota 200.

L'ultimo ad utilizzarlo per sostenere le proprie tesi politiche è Massimo D'Alema. Ormai "separato in casa" nel Pd, D'Alema ha detto chiaramente che le elezioni anticipate, invocate da Matteo Renzi, sarebbero una sciagura, prioprio a causa dello spread alto."La situazione del Paese è gravissima - ha detto -  I dati sullo spread dimostrano che ogni incertezza internazionale ha un effetto immediato sull'Italia. In Europa siamo ultimi per crescita, quartultimi tra i 30 Paesi più industrializzati. Sono cresciute gravemente povertà e diseguglianze. Rispetto al 2011 ci sono differenze fondamentali - ha aggiunto - Allora non c'era più un governo, oggi sì e per farlo cadere bisognerebbe provocare una crisi ad hoc. Stavolta non c'è prospettiva politica e non c'è legge elettorale. Finirebbe con lo spread a 400. E con la gente in mezzo alla strada, non so se è chiaro".

Insomma, se prevalesse la volontà di Renzi (e di Grillo, Salvini e Meloni) di andare alle urne a giugno, la gente finirebbe addirittura "in strada". Un cataclisma. Per D'Alema bisogna stare attenti alla dittatura dei mercati. Di fatto sarebbero loro a dettare l'agenda alla politica.Il problema è che l'andamento dello spread non ha una lettura univoca. I sostenitori del voto subito, infatti, ritengono che è proprio il governo Gentiloni, per sua natura"provvisorio", ad alimentare le montagne russe dello spread. C'è anche chi, come il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, getta acqua sul fuoco: "Difendo Renzi su spread e riforme. Finché c'è stato Renzi non c'è stato lo spread. Non è la sua eredità perché l'epicentro è europeo e Gentiloni è in grado di gestirlo".

Per capire di cosa stiamo parlando, è utile andare a leggere quanto si è mosso lo spread negli ultimi anni. Nel gennaio del 2011 lo spread, dopo una piccola risalita, era giunto più o meno ai livelli attuali, poco sotto quota 200. Ad aprile era poi sceso sotto quota 130 e da qui era cominciata la sua corsa verso l'alto. A giugno 2011 venne sorpassata quota 300, a ottobre quota 400 e il 9 novembre si toccò il picco di 574 punti (chiusura a 550). A dicembre, insediato Monti, il differenziale calò sotto quota 400, per poi risalire di nuovo sopra i 500. I primi mesi del 2012 - fino a marzo - videro una nuova discesa, fin sotto quota 300, e poi una risalita fino a luglio, quando lo spread sorpassò nuovamente i 500 punti. Da quel momento in poi la discesa è stata costante, fino ai minimi di marzo 2015, quando si scese sotto quota 100 punti.

E quando c'è stato Matteo Renzi a Palazzo Chigi? Il giorno dopo l'entrata in carica del suo governo, il 23 febbraio 2014, lo spread era a quota 185. Come detto, è sceso più o meno costantemente fino a marzo 2015 (quando toccò il minimo di 90 punti) e durante quell'anno ha continuato ad oscillare tra i 100 e i 150 punti circa. Fino a fine ottobre 2016, escluso un picco a giugno, è rimasto costantemente sotto i 150 punti, per poi rimanere tra 160 e 180 negli ultimi due mesi dell'anno.

Quando Renzi si è dimesso, il 5 dicembre 2016, lo spread era a quota 167 punti, meno di quando si insediò quasi tre anni prima, ma con un trend in crescita. Dopo le dimissioni di Renzi, lo spread è rimasto intorno ai 160 punti fino a fine gennaio, quando c'è stata l'ultima impennata che ha portato il differenziale coi Bund tedeschi a 200. Dunque Alfano ha ragione nel sostenere che il livello attuale di spread non ci sia mai stato durante gli anni del governo Renzi.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma reagisce. Poi la rissa

Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi
De Luca ci ricasca e chiama "chiattona" la consigliera M5s Valeria Ciarambino