cerca

CAOS DEMOCRATICI

Guerra nel Pd, Cuperlo contro Renzi: "Dimettiti e convoca il congresso"

Guerra nel Pd, Cuperlo contro Renzi: Dimettiti e convoca congresso

Matteo Renzi

Stenta a ricucirsi lo strappo all'interno del Partito democratico. A nulla è valso il passo indietro di Matteo Renzi, pronto a non portare la sua candidatura a premier alle prossime elezioni, per calmare gli animi, divisi, nel Nazareno. La minoranza Dem torna infatti ad attaccare il segretario del partito con Gianni Cuperlo che non usa mezze parole: "Dimettiti domani e convoca il congresso, sarebbe la via per misurarsi tutti con una sconfitta, con una serie di sconfitte che possono punire non solo una leadership ma un intero progetto". Ieri nel corso dell'assemblea di SinistraDem, insiste sulla necessità di eleggere un nuovo segretario e se "questo non accadrà prima delle elezioni, bisogna restituire al popolo il diritto di parola, si chiamano primarie ma non potranno risolversi nel confronto di una domenica, ma in un confronto vero, in una scelta collettiva". Cuperlo parla di "consiglio fraterno", ma il messaggio che consegna a Renzi è tagliente: "Se hai a cuore il destino del Pd e della sinistra, per citare Eros ora che si avvicina Sanremo, Fermati un istante". Secondo la voce della minoranza Dem è necessario "rifondare" il partito in un progetto nuovo che riporti a casa "i tanti orfani".

A difendere il segretario fiorentino è Andrea Marcucci che ricorda: "I problemi del Paese devono venire prima di quelli del Pd. Smettiamola con un dibattito autoreferenziale che danneggia tutti. Matteo Renzi è il segretario più gradito dagli elettori Pd e secondo gli ultimi sondaggi, sarebbe confermato alle primarie sfiorando il 60%". Mentre Ernesto Carbone, componente della segreteria del Nazareno, replica con durezza: "Gli esponenti della minoranza avvertono il bisogno di mettere sempre in mezzo Renzi, non si accontentano mai e giocano sempre al rialzo. Facciamo le primarie o il congresso. Poi, però, chi perde sia leale e rispetti il risultato. E vedremo se vincono Cuperlo e D'Alema o se vince Renzi".

E mentre nel Partito democratico si assiste a una perenne contrapposizione, Laura Boldrini acquista consensi. "Bisogna recuperare un'identità egualitaria, e rilanciarla in un'ottica contemporanea. Secondo me questo è il tempo della sinistra - spiega la presidente della Camera al Corriere della Sera - una sinistra con una forte identità può diventare maggioranza". "Boldrini ha ragione da vendere - commenta Nico Stumpo della sinistra Pd - ci sono ancora molte cose importanti da fare, prima di portare il paese al voto. Andrebbe ascoltata attentamente".

"C'è bisogno di sinistra". Lo afferma Nichi Vendola parlando con i cronisti al margine dei lavori dell'assemblea territoriale romana in preparazione del congresso nazionale fondativo di Sinistra Italiana. "C'è bisogno di sinistra per difendere una generazione che è allo sbando colpita al cuore dalla precarietà, per difendere il lavoro rimettendolo al centro della scena sociale, per restituire dignità ad ogni singola persona e ai suoi diritti, per lottare contro una disoccupazione e una povertà cosi laceranti nell'esistenza di tante famiglie" dice Nichi Vendola. Anche Francesco Boccia plaude Boldrini condividendo "totalmente" la presidente "sugli interessi del Paese e sui doveri della sinistra. Invece, per i due massimi rappresentanti del mio partito, Renzi e Orfini, pare che i problemi del Paese vengano solo dopo la loro fretta di portare l'Italia al voto, indipendentemente dalla legge elettorale".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Maturità, Fedez: Cosa avresti scelto? "Non so, non l'ho fatta"

 Décolleté e micro-bikini Cristina Buccino sirena hot a Formentera
Il topless super sexy di Brittny Ward, la fidanzata del pilota Jenson Button
Nonnino di 80 anni in contromano in autostrada nel Genovese