cerca

PD NEL CAOS

D'Alema minaccia Renzi: "Scissione se cade Gentiloni"

D'Alema minaccia Renzi: Scissione se cade Gentiloni

L'ex premier Matteo Renzi

Legge elettorale e congresso sono questi i temi che animano il dibattito interno al Partito democratico. Domani dovrebbero esserci più incontri al Nazareno per sondare il terreno, anche se sembra ancora lontana la road map degli appuntamenti con gli altri gruppi politici per discutere della proposta del Pd sul Mattarellum. "Le riunioni si fanno se c'è la volontà da parte di entrambi" è il ragionamento in ambienti parlamentari ma per ora non sembra che altri partiti abbiano dato la loro disponibilità". Anche il segretario Matteo Renzi sarebbe atteso a Roma proprio nella giornata di domani. Ma mentre la minoranza sembra sempre più occupata dal problema del congresso anticipato e del voto, Renzi ricompare sul blog e nella sua enews per annunciare che "sente molto lontani" i temi di quando si andrà alle urne e con quale candidato. "Perché la tempistica delle elezioni o i collegi della legge elettorale interessano chi vuole rientrare in Parlamento. I problemi reali di tutti i giorni - ragiona il segretario Pd - interessano alle donne e agli uomini di buona volontà. E io voglio stare con gli italiani, non con gli addetti ai lavori".

A distanza Massimo D'Alema, intervenendo in tv, ribadisce che senza un congresso "sarà Renzi che farà la scissione e imporrà la frattura interna al Partito democratico". E poi aggiunge: "Se Renzi facesse cadere Gentiloni sarebbe inevitabile per noi varare liste al di fuori del Pd". Sulla stessa lunghezza d'onda anche il governatore della Puglia Michele Emiliano. Ma tra le righe della enews Renzi ribadisce la linea: "Nell'assemblea del 18 gennaio mi è stato chiesto di non fare il congresso straordinario ma di rispettare la tempistica e le regole dello Statuto. Perché se uno fa parte di una comunità deve rispettarne le regole, no?". La minoranza del partito è servita. Se Renzi non parla, lo fa al suo posto il presidente del partito Matteo Orfini che in merito alla legge elettorale sottolinea: "Noi vogliamo accelerare, l'abbiamo dichiarato, vogliamo dare seguito all'invito del presidente della Repubblica e chiederemo alle altre forze politiche di discuterne". L'ex delfino di D'Alema richiama poi lo Statuto del partito per sostenere che il congresso Pd non si può celebrare prima di giugno. "Noi - spiega - possiamo convocarlo sei mesi prima della naturale scadenza, che è dicembre, quindi al massimo lo si potrebbe convocare per giugno. Prima il nostro statuto lo vieta". E sulle ipotesi di divisioni interne al partito, avanzate da D'Alema ma negate da Roberto Speranza, Orfini: "La scissione sicuramente non fa bene alla sinistra, la storia della sinistra è piena di scissioni che non hanno quasi mai bene agli scissionisti".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mauro

    mattetti

    13:01, 01 Febbraio 2017

    SFACCIATAGGINE INFINITA.......

    Gli sfacciati di turno,diretti da D'Alema,il prurigginoso in s.p.e. ed autentica jattura,per l'Italia e gli Italiani,da anni,che si e' arricchito alle spalle nostre, dovrebbero ritirarsi tutti in un eremo e sparire dalla circolazione politica. Non puo',uno come il vecchio caporione di turno,visto che quell'altro,il napoletano, e' stato relegato a senatore a vita e quindi,non puo' piu' spiccicare parola, autoincensarsi del diritto di comandare chi,invece e' stato votato ed appoggiato,dal POPOLO,soltanto,perche' non fa' e dice quello che lui,il prepotente,vorrebbe!? I giornali che lo assecondano,pero',anche se per convenienza,dovrebbero,cancellare una specie di politico,come questa. A noi,non ci appartiene. Non ci serve. E' distruttivo in tutte le sue manifestazioni e secondo me,ha portato alla rovina anche l'amico pelato,che lo segue nei suoi inutili sforzi di buttare giu' tutto quello,che gli altri fanno. L'Italia agli Italiani e come diceva qui sotto, Balbo, questi saccenti,se ne devono fare una ragione! Finora, li abbiamo pagati e foraggiati di tutto punto per arricchirli. Adesso, non piu'! NON LI VOGLIAMO! SE NE DEVONO ANDARE VIA! SONO VECCHI e devono lasciare il campo ai GIOVANI, punto e basta. Da notare, che noi,non abbiamo niente da spartire con il Pd,ne' con qualunque sigla votata nella parte sinistra,ma se anche noi,non operassimo perche' in Italia, vengano fuori DUE sole coalizioni,di destra e di sinistra,naturalmente formata da persone Giovani, Capaci ed Oneste....

    Rispondi

    Report

  • giordano

    baldo

    05:05, 31 Gennaio 2017

    D'Alema minaccia Renzi: "Scissione se cade Gentiloni"

    a che gioco si sta giocando ?! I politici SONO NOSTRI DIPENDENTI E NOI siamo I LORO DATORI DI LAVORO, sia ben chiaro.! non fanno quello che vogliono ( sono in libro paga ).....! se non gli va bene, VANNO ESCLUSI, ESTROMESSI...! LA SOVRANITA' DEL POPOLO E' SANCITA DALLA COSTITUZIONE " art, 1 (UNO) . le " beghe interne " NON CI COMPETONO..! nelle loro case, NOI non entriamo.... ma "LORO" , entrano nelle NOSTRE " TASCHE " arbitrariamente . !

    Rispondi

    Report

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni