cerca

Italia sovrana

La piazza di Giorgia "espelle" Brunetta

In migliaia alla manifestazione sovranista. Meloni e Salvini non rompono col Cav ma mettono i paletti: "Primarie e fuori dall' euro". Bordate di fischi all' ex ministro

La piazza di Giorgia "espelle" Brunetta

«Facciamole primarie, troviamo un portabandiera e andiamo a riprenderci questa nazione che è stata costruita dai nostri padri con sacrificio e che non vogliamo regalare a nessuno. Mandiamo a casa Renzi e Gentiloni». Giorgia Meloni dal palco traccia così la road map di «Italia sovrana», la «cosa nuova» che nelle sue intenzioni ha già mandato in soffitta il vecchio centrodestra.

La spinta, più che il modello, arriva direttamente da oltreoceano:«Trump? Sui confini ha ragione -ha affermato Meloni-. Lo Stato non esiste se non esistono i confini. Ha ragione anche quando dice che nell' accoglienza bisogna dare priorità ai cristiani». A sostenerla, in questo sabato primaverile di gennaio, una risposta di pubblico in linea con le aspettative: piazza piena (25mi la secondo gli organizzatori) evo glia di scalzare «i buffoni di corte», ossia Gentiloni, la Fedeli passando per Saviano, così immortalati dallo striscione «premiato» dal palco dallo stesso ex ministro della Gioventù come quello satiricamente più centrato.
«Vogliamo costruire una proposta politica fondata sulla...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mauro

    mattetti

    17:05, 29 Gennaio 2017

    QUESTO E' QUELLO CHE VOGLIAMO SENTIRE NEL CENTRODESTRA...

    La signora Meloni, di FdI, unitamente a Salvini della Lega ed il giovane Toti del neo-soppresso Forza Italia, si sono espressi per un Paese Italia, agli Italiani. Sissignori, proprio come Trump, negli Usa, ha detto e sta facendo per gli Americani! Anzi, diremo di piu', che noi, andando al Governo della Nazione, non sospenderemo per soli 120 giorni, le entrate, di questi cosiddetti rifugiati, che non sono altri che rifiutati dalle loro nazioni vicine, ma li bloccheremo sul nascere, proprio li, ai confini con il Mediterraneo. Subito dopo, espelleremo tutti i cittadini dell'est-europeo, dediti al furto, stupro, assassinio e quant'altri, vegetano nelle nostre prigioni, a spese nostre. Il Vaticano, le onlus, cooperative e caritas varie, se ne facciano una ragione: finiranno cioe' di lucrare, sui disgraziati, rifilatici dall'Unione cosiddetta Europea e Unita, che così facendo, se li terra' nelle sue bramose braccia. Dobbiamo andare pero' al voto subito! E ci dobbiamo andare tutti, ma proprio tutti! Non sto' qui a dire quanto sia importante, non esimersi, dico solamente che chi non va a votare, NON HA ALCUN DIRITTO di esprimersi su quanto accadra' poi. Certo che anche la dissonanza effettuata nei confronti di chi, come Brunetta, ha sposato le idee del Capo bastone, che non vorrebbe subito le elezioni, perche' sub-judice, da parte di Strasburgo, per rientrare nell'agone politico, sia stata assordante e chiara! SI DEVE ANDARE A VOTARE SUBITO. Ne va, della DEMOCRAZIA in Italia.

    Rispondi

    Report

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni