cerca

IL DISCORSO DEL PREMIER

Gentiloni: "Avanti con le riforme del governo Renzi"

Gentiloni: "Avanti con le riforme del governo Renzi"

Il premier Gentiloni

"Il governo nasce dopo il referendum, quel risultato non si cancella e lo abbiamo ben presente ma non si deve cancellare neanche il lavoro che ha svolto l'Esecutivo di Renzi". Lo dice il premier Paolo Gentiloni nel corso della tradizionale conferenza stampa di fine anno. "La rivendicazione di continuità non è un puntiglio, ma completamento delle riforme è un'esigenza del Paese" aggiunge il premier mentre sottolinea le parole chiave del suo mandato: "Lavoro, sud e giovani". Poi parla anche di voto anticipato e stabilità. "La stabilità di un paese a livello internazionale è sempre importante, ma la stabilità non può rendere prigioniera la democrazia - dice - Quindi se si vota non si può vedere il voto come una minaccia".

La legge elettorale
"Il governo cercherà di dare il suo contributo anche sul tema della legge elettorale" dice il premier. "Il governo cercherà come si dice in gergo, di facilitare la discussione tra i partiti e in Parlamento. E, aggiungo, sollecitandola, perché la sollecitudine in questa discussione non è correlata alla maggiore o minore durata del governo, è un'esigenza del nostro sistema".

Voucher e Jobs Act
Sulla questione lavoro il presidente del Consiglio ha chiarito che i voucher "non sono il virus che semina il lavoro nero, non hanno il copyright del lavoro nero, ma bisogna correggere gli abusi e il governo agirà in tempi rapidi. Ora è in corso una revisione - ha spiegato Gentiloni -  aiutata anche dalla nuova tracciabilità, per capire come correggere quello che di sbagliato c'è senza trasformare questo nella madre di tutti i problemi e guai del mercato del lavoro. Ma penso che abbiamo fatto un'ottima riforma del lavoro. Il Jobs Act è una ottima riforma. Nel contesto dell'economia italiana e dei suoi livelli di crescita i nostri numeri di lavoro a tempo indeterminato, di riduzione della disoccupazione, vanno nella direzione giusta. Certamente è qualcosa che dobbiamo sviluppare".

No impegni su taglio Irpef
"Non sono in grado di fare un discorso serio su una riduzione dell'Irpef" annuncia Gentiloni. "Certamente il governo precedente ha fatto forti riduzioni fiscali e questa misura sarebbe un giusto coronamento delle cose fatte ma ora, dopo 15 giorni dall'insediamento, dobbiamo verificare le condizioni e non possiamo dire cose impegnative che poi rischiamo di non poter mantenere".

Mps
Su Monte Paschi di Siena e il decreto salva-banche Gentiloni non ha nascosto che i tempi saranno lunghi. "Il governo ha messo in sicurezza il risparmio, l'attuazione sarà lunga e complicata. Però una decisione è stata presa e sarà strategica e fondamentale". Sull'intervento della Bce che ha imposto l'innalzamento del capitale a 8 miliardi ha spiegato: "Noi abbiamo fatto il giusto e il necessario. Il fatto che si debbano mettere più soldi può essere oggetto di discussione con la Vigilanza europea, ma non mette in alcun modo in discussione la capienza del nostro intervento. Faremo quanto in nostro potere ma l'obiettivo principale è salvaguardare i risparmiatori".

Terremoto
Il presidente del Consiglio ha lodato l'impegno delle forze impegnate nell'emergenza e la forza delle popolazioni coinvolte dal sisma. "La ricostruzione sarà la nostra priorità - ha assicurato Gentiloni - Ora c'è la fase più difficile e che deve coinvolgere situazioni differenti. Il problema della ricostruzione e della agibilità delle case sarà la nostra priorità".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Luciano

    Marino

    09:09, 31 Dicembre 2016

    Elezioni subito

    I tuoi proclami sono in sintesi gli ordini del napoletano e del buffone di Firenze. Il tuo compito e di fare la legge elettorale e andare a elezioni, In 20 giorni non hai mosso dito.

    Rispondi

    Report

  • cotterio

    nobile

    02:02, 30 Dicembre 2016

    Sconnesso dalla realtà

    il popolo col suo NO ha disapprovato il castello di riforme di Renzi e Boschi - per quanto il meccanismo del referendum a domanda secca possa permettere all'italiano di esprimere in modo completo il suo parere sul governo. Insomma gli italiani hanno risposto nell'unico modo che avevano per dire al governo ADESSO BASTA. E adesso questo che fa? Parla agli italiani e dice senza mezze parole che continuerà la sua opera proseguendo l'opera fallimentare di Renzi? Ma ci prende per cretini o cosa? Questi del pd si sono dati tanto da fare per modificare le leggi in tutti i modi possibili spacciandole per "riforme inderogabili" ma in nessun caso hanno chiesto il nostro parere, e dove l'hanno fatto hanno trovato amare sorprese! Che si metta al referendum il jobs act che gli bocciamo pure quello!

    Rispondi

    Report

  • giuseppe

    puddu

    19:07, 29 Dicembre 2016

    gentiloni

    In Italia , dopo il calcio , lo sport nazionale è il paraculismo. Peccato che (ancòra) non sia diventata una disciplina olimpica perchè in quel caso tutte le medaglie d'oro sarebbero nostre.

    Rispondi

    Report

Mostra più commenti

.tv

Insulti e parolacce ai concorrenti, bufera su Flavio Insinna

Strage Manchester, il momento dell'esplosione. I video amatoriali
Manchester, strage al concerto di Ariana Grande
Bayern in festa, Ancelotti intona "I migliori anni della nostra vita"

Opinioni