cerca

IL FUTURO DELL'ITALIA

Matteo Renzi punta a far cadere Paolo Gentiloni entro giugno per evitare il referendum sul Jobs Act

Matteo Renzi punta a far cadere Paolo Gentiloni entro giugno per evitare il referendum sul Jobs Act

Che potesse essere un governo "balneare" era nell'aria. Ma forse quello di Paolo Gentiloni potrebbe avere vita più breve del previsto. Oggi il presidente del Consiglio e il suo esecutivo si presenteranno al Senato per ottenere la fiducia. I numeri, anche dopo lo schiaffo di Denis Verdini e dei suoi, non dovrebbero essere a rischio. Ma sulla testa del presidente del Consiglio pende una spada di Damocle: il possibile referendum sul Jobs Act.

La Cassazione ha già dato il via libera ai quesiti presentati dalla Cgil. Il 10 gennaio dovrà pronunciarsi la Corte Costituzionale e tutti danno per scontato il via libera. A quel punto la Consulta fisserà una data per la consultazione tra il 15 aprile e il 15 giugno. Questo almeno che, nel frattempo, non vengano indette le elezioni.

Matteo Renzi starebbe spingendo in questa direzione. Anche per evitare un referendum che, con tutta probabilità, si trasformerebbe nel "secondo tempo" di quello dello scorso 4 dicembre sulle riforme costituzionali. L'ex premier non può certo permettersi di incassare un'altra batosta su un'altra legge simbolo approvata dal suo esecutivo. Per questo vorrebbe andare al voto il prima possibile. 

L'alternativa è quella di modificare le norme in modo di disinnescare la consultazione. Ci riuscirà il governo Gentiloni

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mauro

    mattetti

    08:08, 14 Dicembre 2016

    GIOCO DI BUSSOLOTTI......

    Gli apprezzamenti ironici, nei confronti del M5S, da parte di Gentiloni, detto il sapientone, gli si ripercuoteranno tutti contro! Egli, non si rende conto di essere entrato, in una macchina che gira così, dal 1946 e che lo portera' sicuramente in mezzo ad una strada! I bussolotti, che usciranno, da questa macchina, saranno tutti contro di lui e di Mattarella, che ce l'ha messo.....in quel posto. Inutili, inservibili, incapaci, incompetenti oltre ogni limite, sono stati bravissimi, di fotocopiare, come nelle peggiori delle scuole medie di ieri e di oggi, una situazione perdente, incomprensiva, senza alcun nesso logico. I motivi addotti dai due, sono "pro bono....sua", senza alcuna logica che riguardi il POPOLO ITALIANO. Il Parlamento che ha votato alla Camera e che votera' al Senato, NON e' stato eletto da alcun ITALIANO e quindi NON e' valido, come ci ha imposto di credere, l'emerito napoletano comunista dal 1946 (fascista pero' prima!) ed oggi, questo Mattarella, ergo, non vale niente, ne' il Presidente della Repubblica, ne' le due Camere stesse, ne' i precedenti tre Presidenti del Consiglio e questo ultimo arrivato! Ci sara' da attendere a gennaio? Va bene! Ancora una volta, va bene, per un altro po' di tempo......

    Rispondi

    Report

Opinioni