cerca

IL FUTURO DELL'ITALIA

Dopo Berlusconi l'Economist prende di mira anche Renzi e si schiera per il No al referendum

Dopo Berlusconi l'Economist prende di mira anche Renzi e schiera per il No al referendum

Gli italiani, magari i più appassionati di politica, ricordano ancora quella copertina con un titolo inequivocabile: "Why Silvio Berlusconi is unfit to lead Italy". Ne seguirono altre, più o meno "cattive" ma tutte sulla stessa lunghezza d'onda. Perché all'Economist, il Cavaliere proprio non piaceva.

E a giudicare da quello che sta accadendo anche Matteo Renzi non è proprio "persona gradita". Il settimanale britannico ha infatti spiegato in lungo editoriale perché, il 4 dicembre, gli italiani dovrebbero votare no al referendum costituzionale. "Renzi - si legge - non riesce ad affrontare il principale problema dell'Italia: la mancanza di volontà a riformare. Inoltre c'è il rischio, nel tentativo di porre fine all'instabilità che ha portato 65 governi in Italia dal 1945, di creare la figura dell'uomo eletto forte. E questo nel Paese che ha prodotto Benito Mussolini e Silvio Berlusconi ed è vulnerabile in maniera preoccupante rispetto al populismo".

"Il rischio della riforma di Renzi - prosegue l'articolo - è che in realtà favorisca Beppe Grillo, che vorrebbe lasciare l'Euro con un referendum. Renzi ha sprecato quasi due anni a modificare la Costituzione. Prima l'Italia tornerà ad occuparsi delle riforme vere meglio sarà per tutta l'Europa. Renzi farebbe meglio discutere delle riforme più strutturali, dalla giustizia all'istruzione»". E conclude: "Le dimissioni di Renzi con la vittoria del 'no' potrebbero non essere la catastrofe che tanti temono. L'Italia potrebbe mettere insieme un governo tecnico, come ha fatto tante volte in passato".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500