cerca

Comunali, CasaPound vola a Bolzano

Il movimento raggiunge il 6,21% e conquista 3 consiglieri. Ora si apre il gioco delle alleanze in vista del ballottaggio del 22 maggio

Comunali, CasaPound vola a Bolzano

casapound

Boom di CasaPound alle elezioni comunali di Bolzano. Il partito, con il 6,21% dei consensi, nel prossimo consiglio comunale sarà presente con tre rappresentanti. La prima volta che un candidato della destra radicale è stato eletto in un consiglio comunale risale al maggio delle scorso anno proprio a Bolzano con Andrea Bonazza. Dopo Bonazza si è registrata l'elezione nel consiglio del Comune di Lamezia Terme di Mimmo Gianturco. CasaPound è temuta e anche il presidente altoatesino Arno Kompatscher, si è detto "preoccupato". La sede bolzanina del partito del presidente Gianluca Iannone si trova in via Cesare Battisti, a pochi metri dal Movimento alla Vittoria, luogo simbolo per la destra bolzanina. "Sorpreso ? No, è un risultato che noi attendavamo. Mentre gli altri partiti politici fanno i sondaggi attraverso i call center, noi siamo nelle piazze in mezzo alla gente e questo è il frutto di un lavoro costante. Radicali sì, ma giusti". Risponde così Bonazza, nuovamente eletto in consiglio comunale questa volta anche assieme al candidato sindaco Maurizio Puglisi Ghizzi e a Sandro Trigolo. "Noi siamo contro l'immigrazione e il degrado. Recentemente abbiamo salvato anche cento lavoratori socio-sanitari italiani e molti extracomunitari dal forte rischio di perdita del lavoro". Nei mesi scorsi i militanti di CasaPound di Bolzano hanno organizzato collette alimentari per famiglie italiane bisognose e ripulito diverse aree verdi della città. Alla domanda cosa risponde al presidente Kompatscher che li ha definiti "fascisti", Bonazza risponde: "Alla parola fascista rispondiamo grazie. Complimenti a lui che a Bolzano ha candidato per la Suedtiroler Volkspartei, Christoph Baur, già militante di lotta continua. Analizzeremo il programma del centrodestra per un possibile appoggio al ballottaggio mentre abbiamo già cestinato quello del centrosinistra. Il centrodestra, però, lascia una porta aperta anche alla Svp che è complice del malgoverno a livello cittadino, provinciale e anche nazionale".


Centrodestra e Pd al ballottaggio Saranno Renzo Caramaschi (PD) e Mario Tagnin (Centrodestra-Lega) a contendersi nel ballottaggio di domenica 22 l'elezione a sindaco della città di Bolzano. Dalle consultazioni di ieri Caramaschi, già city manager del capoluogo altoatesino e appoggiato da Partito Democratico, Sinistra e dalla sua lista civica, ha ottenuto il 22,32 % (9.507 voti). Mario Tagnin, medico dentista, di Il Centrodestra Uniti per Bolzano e appoggiato dalla Lega Nord-Salvini, ha ottenuto il 18,39% (7.833). In vista del ballottaggio Caramaschi ha già lanciato il suo appello al partner di sempre, la Suedtiroler Volkspartei. Complessivamente molto bene Movimento 5 Stelle e Casapound. Il M5S ha quasi raddoppiato il numero dei seggi portandolo dai quattro delle consultazioni del maggio 2015 a sei. Casapound dopo lo storico ingresso in un consiglio comunale italiano con un rappresentante, come detto, ora ne avrà tre. Alle spalle di Caramaschi e Tagnin gli altri undici candidati sindaco, a partire da quello della Suedtiroler Volkspartei, Christoph Baur che ha ottenuto il 15,95 %, quindi Caterina Pifano del Movimento 5 Stelle con l'11,55 %, Norbert Lantschner (Verdi e Rifondazione Partito Comunista) con l'8,02 %, Maurizio Puglisi Ghizzi (Casapound) con il 6,21%, Giorgio Holzmann Giorgio (Alleanza per Bolzano) con il 4,83%, Angelo Gennaccaro (Io Sto Con Bolzano) con il 4,28 %, Anna Pitarelli (Anna Pitarelli-Bolzano sull'onda) con il 2,29 %, Elena Artioli (Artioli Sindaca) con l'1,88 %, Vanja Zappetti (I Love my Town) con l'1,61 %, Cristian Kollmann (Sudtiroler Freiheit) con l'1,53% e Franco Murano (Pensionati) con l'1,13 %.


Le alleanze Le prossime due settimane saranno quelle per cercare alleanze. Il Pd-Sinistra di Caramaschi cercherà l'appoggio dello storico partner della Suedtiroler Volkspartei e dei Verdi. Dall'altra parte Tagnin punta al sostegno delle altre liste del centrodestra e tenta di corteggiare il Movimento 5 Stelle andato particolarmente bene assieme al significativo risultato di Casapound.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Maturità, Fedez: Cosa avresti scelto? "Non so, non l'ho fatta"

 Décolleté e micro-bikini Cristina Buccino sirena hot a Formentera
Il topless super sexy di Brittny Ward, la fidanzata del pilota Jenson Button
Nonnino di 80 anni in contromano in autostrada nel Genovese