cerca

«Tutti mobilitati per le cooperanti Per mia figlia nessuno si muove»

Parla la madre della bamb ina rapita e portata in Siria

 

«Il ministero degli Esteri mi ha risposto che in quella zona non abbiamo margini di movimento, ma quando ho sentito che sono state liberate le due cooperanti rapite in Siria, e di questo sono felice sia chiaro, ho pensato a mia figlia. Per lei non ci sono margini di movimento?». Alice Rossini ha la voce ferma e decisa, ma il dolore per la perdita della figlia trapela da ogni singola parola. Non vede la piccola Houda Emma dal 18 dicembre 2011, quando il padre l'ha rapita e porta in Siria. Anni di angoscia e silenzi, interrotti solo da sporadici contatti con l'ex marito che non ha mai voluto riportare Emma dalla mamma. Eppure la piccola, che il 20 marzo compirà 5 anni, è cittadina italiana a tutti gli effetti. Il padre, Mohammed Nadeen Kharat, non ha mai registrato in Siria il suo matrimonio con Alice e neppure la nascita della figlia. Di fatto, Emma si trova in un paese straniero, in parte sotto il controllo dell’Isis, da clandestina. L’uomo è arrivato a chiedere all’ex moglie anche un riscatto di 300mila euro per riconsegnare la bimba. Una storia terribile che, nonostante gli appelli lanciati in rete, le richieste d’aiuto fatte arrivare alle istituzioni, interrogazioni parlamentari, una lettera alla presidente della Camera e l’interessamento del Coordinamento internazionale associazioni per la tutela dei diritti dei minori (Ciatdm) e l'intervento dei media, da anni non arriva alla conclusione. Dal 20 gennaio al 20 marzo proprio il Ciatdm ha organizzato una sorta di flash mob virtuale su Facebook, invitando chi partecipa ad inviare una e-mail con la propria foto e con un cartello in mano con la scritta «io sono Houda Emma», da inoltrate poi al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

Alice, da quanto non vede sua figlia?

«Non vedo Houda Emma dal 18 dicembre 2011. Il mio ex marito ed io eravamo in fase di separazione. Durante uno dei giorni in cui gli era consentito vederla l'ha portata via. Da quel momento è iniziato il mio incubo».

Lei e il padre di sua figlia quando vi siete lasciati?

«Ci siamo separati ad agosto 2011, dopo mesi di guerre e denunce. Andavo dai carabinieri a dire che mi minacciava. Mi cercava al lavoro dicendomi: "Stai attenta perché se non stai con me tu e la bimba siete morte". Oppure alla nove di sera suonava alla porta per vedere la bambina, pur sapendo che lei dormiva e che non era il giorno di visita. Ad un certo punto è cambiato di colpo, diventando un padre perfetto e accettando persino la separazione consensuale. Prendeva la figlia nei giorni prestabiliti e la riportava a casa. Era tutto organizzato per farmi tranquillizzare. Il giorno prima del rapimento ha portato a casa la bambina con regali di Natale anche per me. Il giorno dopo è scappato. Mentre ero dai carabinieri ricevo un sms: ora voglio vedere cosa fai. Siamo in Siria e non ci vedi più».

Il suo ex marito è di religione musulmana?

« Definirlo così è un'offesa per i musulmani. Era credente a suo piacimento: non pregava mai, beveva, fumava e osservava il Ramadan quando gli pareva».

Esclude che possa essere arruolato tra le file dell'Isis?

« Io non credo sia con l'Isis, perché lui è un coniglio e un fifone, anche se raccontava che all’asilo gli hanno insegnato a lanciare le bombe. Risulta vivere nelle zone controllate dallo Stato islamico, ma non credo abbia contatti con loro».

Ha mai avuto altri contatti con lui o con sua figlia in questi anni?

«Dopo il messaggio arrivato all'indomani del rapimento ho perso ogni contatto. Successivamente mi ha chiesto 300mila euro per vedere la bambina attraverso un parente che vive in Italia. Prima dell'ultimo Natale, attraverso la trasmissione televisiva "Le Iene", sono ritornata in contatto con lui perché diceva di essere pentito. Ci siamo incontrati al confine tra Turchia e Siria. Mi ha fatto vedere un video della bambina dove lei risponde alle sue domande. Poi mi ha fatto parlare al telefono con mia figlia. Ora di nuovo il silenzio».

Mohammed è cittadino italiano?

« No, aveva il permesso di soggiorno e stava per ottenere la cittadinanza. Ora ha un mandato di cattura internazionale per sequestro di persona. Non è irreperibile, perché la trasmissione televisiva "Le Iene" in 2 settimane lo ha trovato».

In che modo è stato rintracciato?

«Ha dato i contatti alla trasmissione, così come ho fatto con il ministero degli Esteri e con l'Interpol. Mi è stato risposto che in quella zona l'Italia non ha margine di movimento. Nessuno mi ha contattata e nessuno mi ha mai detto che sarebbero iniziate le ricerche. Quando ho sentito che le due cooperanti (Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, ndr) erano state liberate, sono stata felice. Ma per me e mia figlia perché non ci sono margini di movimento?».

Alice ha idea di dove si trovi sua figlia adesso?

«La bambina non è con il padre, ma è stata affidata ai nonni paterni che sono anziani e malati».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"

Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram
Aurora Ramazzotti studentessa modello. Il video fa impazzire i fan