cerca

Monti: «Con noi è saltato il tappo»

Il premier torna a parlare degli scandali di questi giorni: «Il governo tecnico ha tolto il velo che aveva nascosto la realtà»

Monti: «Con noi è saltato il tappo»

MONTITANGETOPOLI-C_WEB

Il premier Mario Monti, a Torino per un incontro pubblico, torna a parlare degli scandali giudiziari di questi giorni. Dopo aver parlato di  «nuova Tangentopoli» il Professore confessa di provare «smarrimento per il moltiplicarsi degli scandali di questi giorni. Quando vedo il motiplicarsi delle incriminazioni di esponenti della politica, dell'economia, della finanza, c'è l'dea che sia la fine di un'epoca. Forse col rinnovamento che abbiamo portato in questo mesi è saltato il tappo». «Le vicende di questi giorni - prosegue - fanno sorgere il parallelo con un'altra fase della recente storia italiana: le vicende di Tangentopoli e del tramonto della prima Repubblica. In queste vicende vedo il segno che il governo di impegno nazionale non è stato solo un periodo che ha segnato la fine della contrapposizione viscerale tra forze politiche opposte, ma il governo tecnico ha aiutato il Paese a prendere decisioni difficili e ha fatto saltare il velo che aveva nascosto la realtà». Quindi l'attacco ai partiti: «Dietro la virulenta avversione di partiti che volevano distruggersi l'un l'altro ha proliferato un sistema di incompetenza diffusa, di gestione inefficiente, di relazioni pervasiva tra gruppi di potere, di corruzione e spreco, di zone d'ombra nelle grandi imprese di Stato». L'ultimo pensiera è ancora una volta per Silvio Berlusconi: «In queste settimane di campagna elettorale mi innervosisco quando qualcuno dice che ci aveva lasciato una situazione buona quasi per lasciarci l'emozione di fare un giro di governo. L'emozione e un senso di brivido all'inizio, certo, lo abbiamo avuto».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni