mercoledì 3 settembre 2014
.
Sfogliatore
ACQUISTA EDIZIONE
LEGGI L’EDIZIONE
24/01/2008 16:06

flash

Cusumano (Udeur) vota sì, aggredito dal collega

Barbato (a sinistra), Cusumano (a destra)
La seduta è ripresa e il vicecapogruppo del Pd, Luigi Zanda, ha chiesto al presidente Marini di prendere provvedimenti contro il capogruppo del Campanile Tommaso Barbato che ha aggredito il collega Cusumano. I senatori dell'Unione hanno applaudito a lungoCusumano è svenuto tra i banchi del centrosinistra, accanto al capogruppo dei Verdi-Pdci Manuela Palermi e a Mauro Bulgarelli, senatore del Sole che ride.
Barbato, subito dopo l'intervento del senatore dell'Udeur, era arrivato sotto al banco per aggredirlo, apostrofandolo con parole come 'traditore, venduto, pagliaccio" e facendogli con le mani il segno della pistola.
Cusumano era rimasto immobile al suo posto e poco dopo era scoppiato a piangere. Poi è stato colto da malore. E la seduta è stata sospesa dal presidente Franco Marini. Dopo dieci minuti, la seduta è ripresa.
«Barbato è arrivato e gli ha sputato in faccia. A quel punto, Cusumano si è sentito male, piangeva e poi è svenuto», ha raccontato fuori dall'aula il presidente della commissione Difesa al Senato Sergio De Gregorio

Redazione online






consenso al trattamento dei dati
I commenti inviati vengono pubblicati solo dopo esser stati approvati dalla redazione






Invia una copia anche al tuo indirizzo di posta
Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

Copyright 2001 Quotidiano IL Tempo srl tutti i diritti riservati - Gerenza - Pubblicità