sabato 30 agosto 2014
.
Sfogliatore
ACQUISTA EDIZIONE
LEGGI L’EDIZIONE
29/09/2010 05:30

I siciliani lasciano l'Udc

L'Udc perde pezzi. Ieri, a ventiquattro ore dal voto di fiducia che Silvio Berlusconi chiederà alle Camere sui cinque punti, a Montecitorio cinque deputati centristi sono passati al gruppo misto. Si tratta dei siciliani «ribelli» Calogero Mannino, Saverio Romano, Giuseppe Drago, Giuseppe Ruvolo e del campano Michele Pisacane, che hanno costituito il gruppo dei «Popolari per l'Italia di domani». Romano - che solo sei giorni fa aveva ribadito di non voler lasciare il partito di Pier Ferdinando Casini pur non condividendo le ultime posizioni espresse dal leader centrista - non ce l'ha fatta: ai suoi occhi è stato negato ai dissidenti «il diritto al confronto».

Il deputato siciliano rimprovera a Casini la cattiva gestione della «partita siciliana»: «Non penso che Casini sia così ingenuo da consegnare il governo della Regione siciliana al Pd senza una contropartita politica - spiega - lui ormai sostiene di tutto pur di non disvelare ciò che è ormai a tutti ben chiaro, ossia il suo accordo col Pd e la deriva a sinistra di un partito come l'Udc che ancora oggi sente di appartenere a ben altra cultura politica». Sorride il premier che oggi - con certezza quasi assoluta - potrà contare sul loro voto. Diversa la reazione di Casini: «Ognuno può scegliere di andare dove vuole - spiega - l'importante è che si inventi delle scuse, la nostra linea è chiarissima, quella di centro, che è rimasta coerente difronte alle sirene di destra e sinistra. Si vede che non tutti sono immuni alle sirene».

Il leader dell'Udc, però, non resiste all'ultima trovata del Pd: dopo le dichiarazioni del Senatùr contro Roma e i romani, afferma, «Voteremo la mozione di sfiducia a Umberto Bossi». Intanto altri due deputati sono passati al gruppo misto. Si tratta dei due esponenti dell'Api Bruno Cesario e Massimo Calearo. Altri due probabili sì alla fiducia.

Nadia Pietrafitta






consenso al trattamento dei dati
I commenti inviati vengono pubblicati solo dopo esser stati approvati dalla redazione






Invia una copia anche al tuo indirizzo di posta
Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

Copyright 2001 Quotidiano IL Tempo srl tutti i diritti riservati - Gerenza - Pubblicità