cerca

L'Islam a scuola, no di Maroni

Bocchino: "Sbagliato lo scontro"

L'Islam a scuola, no di Maroni

Roberto Maroni

"Siamo tutti d'accordo nel migliorare l'integrazione", ma l'introduzione a scuola di un'ora di insegnamento della religione islamica "certamente è il modo più sbagliato per farlo". Così il ministro dell'Interno Roberto Maroni è intervenuto questa mattina alla trasmissione 'La telefonata' su Canale5 sulla polemica nata dalla proposta di Adolfo Urso.

"La Lega è nettamente contraria - ha spiegato Maroni - anche perché religione cattolica (adesso non voglio ripetere, usare le argomentazioni del cardinal Bagnasco che tra l'altro condivido sul fatto che l'ora di religione) ha un suo motivo, una sua storia, ma anche una sua motivazione anche storica, dal punto di vista concreto, pratico. L'ora di religione cattolica rappresenta una entità, la Chiesa, che ha una gerarchia, dei valori ben chiari, ben definiti che quindi si possono trasmettere, l'Islam è un mondo tutto diverso".

"L'imam - ha continuato il ministro - interpreta il Corano liberamente, non c'è una serie di dogmi, non c'è un messaggio chiaro da trasmettere, se come penso fosse nelle intenzioni di Urso questa misura serviva per migliorare l'integrazione, siamo tutti d'accordo nel migliorare l'integrazione, ma questo - ha concluso il titolare del Viminale - certamente è il modo più sbagliato per farlo".

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

La vittoria de Il Tempo
Carlotta ha il suo comunicatore

Acrobazie e show, gli Harlem Globetrotters a Il Tempo
Urla e scappa, poi accoltella il poliziotto: attimi di paura in via Appia a Roma
"La mia Lazio da Champions ma gli arbitri...", intervista esclusiva a Ciro Immobile