cerca

La politica ha bisogno delle riforme

E serve che questa sia percepita con quella autorevolezza che merita. Nel gioco terribile di continua e costante delegittimazione degli apparati dello Stato, si impoverisce quella capacità di solidarietà, di coesione sociale che ha contraddistinto, per usare l'esempio di Napolitano, il Dopoguerra. Come si può crescere economicamente o rafforzare le istituzioni senza fiducia? Come si può avere fiducia se il governo della cosa pubblica è affidato a «incapaci» o «cavallette»? Ecco quindi che una reazione forte non è solo auspicabile ma doverosa. L'Italia di Romeo non ci piace né ce la meritiamo. Non ci piacciono i comportamenti opachi di amministratori pubblici, di imprenditori e degli stessi magistrati. L'esperienza degli anni '90 ci ha dimostrato che la via giudiziaria non è in grado di risolvere i problemi. Non può che esserci un percorso politico che è inevitabilmente fatto di riforme. Quelle del federalismo e della giustizia sono un importante banco di prova. L'opposizione farà quel che riterrà più corretto, ma la maggioranza deve avere la consapevolezza di non avere più alibi. Questo è il momento in cui la dignità e l'orgoglio devono prevalere sulla più banale ricerca del consenso.
Paolo Messa

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi