cerca

Frati cancella la lezione di Morucci

Un evento apparentemente come i tanti organizzati all'interno dell'ateneo più grande d'Europa, se non fosse che il relatore è l'ex brigatista che fu nel gruppo di fuoco del sequestro di Aldo Moro. Subito si sono levate le critiche dei docenti e degli studenti fino ad arrivare ad una drastica presa di posizione del rettore Luigi Frati che ha voluto la cancellazione dell'iniziativa. Iniziativa che ha acceso le divisioni tra i sostenitori che ritengono utile la sua testimonianza per «scongiurare altri tragici errori» e gli oppositori che lo additano come «cattivo esempio la legittimazione accademica verso chi si è macchiato di sangue».

 Infatti Morucci oltre ad aver partecipato alla strage di Via Fani, dove venne assassinato il leader della Dc, ebbe anche il compito di eliminare i due uomini che accompagnavano Moro. Per questi reati venne arrestato nel 1979 e condannato a ventidue anni e mezzo finendo di scontare la sua pena nel 1994. Nonostante un tale curriculum Giorgio Mariani, ordinario di Letteratura angloamericana ha sostenuto: «Si tratta di un'iniziativa all'interno di una delle mie lezioni di Letteratura americana. L'ho promossa perché sollecitato da un ufficiale della polizia che segue il percorso post-carcerario di alcuni ex terroristi». Giustificazione che comunque è stata smentita dal questore di Roma.


Giustificazioni che non sono bastate al rettore Frati che ha ribattuto: «Se Morucci vuole parlare del sequestro di Aldo Moro sarò lieto di partecipare a un dibattito con lui in via Fani davanti alla lapide che ricorda gli agenti della scorta trucidati». Una polemica che per una volta è riuscita ad unire il mondo della politica in un appoggio bipartisan al rettore. «Finalmente dalla Sapienza arrivano parole di consapevole responsabilità politica e di spiccata educazione democratica».

Lo afferma il vicepresidente della Commissione Vigilanza Rai, il Democratico Giorgio Merlo. Stesso apprezzamento arriva anche da Maurizio Gasparri, presidente del Pdl al Senato che annuncia: «Se il terrorista accetterà l'intelligente invito di Frati ci sarò anche io». Mentre Volontè dell'Udc ricorda: «Il Papa no e Morucci sì? Il vero problema della Sapienza sono quei gruppuscoli di professori e assistenti marxisti-leninisti che hanno impedito al Papa di partecipare all'inaugurazione dello scorso anno». Riferimento al Papa che arriva anche da Margherita Boniver, deputato Pdl: «Che tutto questo avvenga nella prestigiosa Universita che negò di tenere la lectio magistralis a Benedetto XVI non deve stupire più di tanto».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni