cerca

Veltroni vuole Veronica e Fassino lo difende

E con il suo invito - ha aggiunto - Veltroni «esprime una cultura in cui non ci sono nemici ma avversari». Sono perplessi politologi ed esperti del ramo comunicazione e politica che considerano l'invito del sindaco di Roma un'operazione mediatica che evidenzia tutti i limiti organizzativi del Partito democratico. Una mossa di cattivo gusto che vorrebbe fare il verso, senza riuscirci, a Sarkozy, la definisce il sociologo Alessandro Amadori, esperto di comunicazione politica. «Invece di cercare figure, idee e metodi propri, si preferisce copiare da fuori e fare un minestrone di personaggi esterni. Ripeto: che c'azzecca Veronica Lario con il Pd? Ci sono altre mille personalità che si potevano coinvolgere».
Critiche dalla Bindi. «Questa è l'esternazione più improbabile che ho sentito dall'inizio della campagna per le primarie. Io ci ho pensato - ha proseguito il ministro - ma, francamente, non ho trovato alcun marito o moglie di esponenti del centrodestra che vorrei nel mio partito».
Diplomatico Arturo Parisi. «Noi ci rivolgiamo alle persone nella loro libertà e soprattutto alle donne che scelgono e non alle donne che vengono scelte...». Fa dell'ironia invece Marco Follini: «Un sosia di Walter Veltroni ha proposto di ingaggiare Veronica Lario nel Pd. Mi auguro che presto il vero Veltroni smentisca il suo sosia. La proposta mi sembra di cattivo gusto».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni