cerca

Welfare

Ferrero: «Modifiche al protocollo». Prodi lo smentisce


«Quando si firma si va avanti con coerenza - ha spiegato il premier ieri sera al Tg1 - Noi abbiamo firmato un protocollo che ha tante garanzie per i lavoratori e i pensionati, firmato con sindacati e assciazioni degli imprenditori. Dobbiamo andare avanti con coerenza. Il 12 al Consiglio dei ministri avremo l'approvazione e poi ci sarà il chiarimento in Parlamento che potrà fare delle modifiche. Non c'è nulla di particolare in questa procedura».
Non è della stessa idea il ministro della Solidarietà sociale Paolo Ferrero: «Quando i lavoratori parlano, bisogna saperli ascoltare - ha spiegato Ferrero a margine di una conferenza sulla non autosufficienza - Occorre perciò modificare il protocollo sul welfare nella direzione che chiedono. E sarebbe sbagliato pensare che questo è un problema interno della sinistra», ha detto il ministro. Ferrero ha anche commentato l'ipotesi di un prossimo sciopero generale in Sardegna. «Montezemolo non ha bisogno di andare in piazza - ha osservato - per farsi sentire, mentre lavoratori e pensionati sanno benissimo parlare in piazza». Successivamente, il ministro ha voluto precisare che «o si riesce a portare avanti il programma per cui l'esecutivo è stato eletto, oppure si va a elezioni». Una presa di posizione, quella del ministro, arrivata in quanto ha sentito «esprimere un'opinione condivisa all'interno della maggioranza, per la quale non ci sono alternative al governo Prodi» e che «il governo applicherà quanto scritto nel programma dell'Unione, sulla base del quale è stato votato e ha vinto le elezioni».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi