cerca

L'intervista

Terribile: «La sede? Non conta»

Michela Terribile racconta come funziano i suoi Circoli. L'avvocato romano è promotrice dei Circoli della libertà del Lazio, e sta mettendo a punto gli ultimi dettagli per il primo meeting nazionale del movimento di Michela Vittoria Brambilla.
Avvocato, come procede l'organizzazione per il 6 ottobre?
«Il grosso è fatto. Quattromila sedie alla Nuova Fiera sono pronte per i nostri soci che si stanno mobilitando da tutta Italia».
Ci spieghi come funziona un Circolo.
«Siamo tanti gruppi di persone che mettono sul tavolo alcune problematiche. I principali argomenti sono la sicurezza, le tasse e la sanità».
Dove vi riunite?
«La vita di un circolo è fatta di contatti telefonici, ci aggiorniamo attraverso la Rete, con gli sms. Siamo molto attivi con il nostro giornale e la tv delle libertà. Se poi serve una reale sede dove dobbiamo prendere delle decisioni ci riuniamo, per esempio, in abitazioni private».
Quindi sono virtuali?
«Le vere e proprie sedi non sono tante. Ma vogliamo diffondere la nostra filosofia tra tutti i cittadini. L'obiettivo non è la sede, ma riunire una massa di persone, creare aggregazione».
Sentire l'esigenza di diventare un partito?
«Vogliamo diventare un partito politico, i cittadini ce lo chiedono. Da noi il partito unico già esiste».
f.perugia@iltempo.it

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni