cerca

Il presidente della Camera sfida il Prof: «Serve una soluzione che accontenti tutti»

Il primo ad aprire il fronte di «lotta» sul capitolo delle riforme sociali è stato Fausto Bertinotti che ieri, intervistato a «Libera festa» da Giovanni Minoli, ha ribadito che sul welfare la «partita è aperta». «Come sulla Finanziaria - ha aggiunto - si può lavorare per una soluzione che accontenti tutti e, soprattutto, lavoratori e pensionati». Il presidente della Camera ha poi spiegato che quello sul welfare è un «passaggio impegnativo, perché è una delle questioni più importanti per la vita di un paese e, di conseguenza, per la vita concreta delle persone. La precarietà è una malattia sociale. E non ci sarà vera democrazia e vera Europa senza combattere a fondo la precarietà. Certo - ammette - in un collegato alla finanziaria non è che si possa prosciugare il lavoro precario ma bisogna assolutamente andare in questa direzione. Per questo - insiste - è una partita impegnativa». Bertinotti ricorda che è in corso una consultazione «molto importante» tra i lavoratori. Il presidente della Camera invita la sinistra a «non essere la carta assorbente» delle decisioni dei sindacati: la sinistra, insiste, «deve mantenere la sua autonomia» e tuttavia «non posso non rilevare che il giudizio della Fiom va tenuto in conto. Inoltre ci sono quattro partiti della coalizione di governo che in un documento hanno presentato la necessità di cambiamenti al protocollo sul welfare». Secondo quanto riferiscono fonti parlamentari, il primo passo potrebbe essere l'incarico al ministro della Solidarietà Paolo Ferrero di avviare una serie di incontri a livello tecnico con diverse realtà del mondo del precariato, dai lavoratori tessili a quelli interinali, per studiare tutte le ipotesi per rendere meno instabile alcune tipologie di impieghi. «Una manovra che va nella direzione giusta, anche se con qualche timidezza di troppo. Adesso si deve mettere mano al miglioramento del pacchetto sul welfare e alla lotta alla precarietà - ha commentato il ministro della Solidarietà sociale Ferrero sulla finanziaria - Nel concreto - è detto in una dichiarazione - ci sono 4 miliardi di euro destinati alla redistribuzione del reddito. Due per i poveri, cioè chi ha un reddito inferiore a 8 mila euro l'anno, uno di taglio sull'Ici per chi ha un reddito inferiore ai 50 mila euro, uno per i contributi per l'affitto per chi ha un reddito fino a 30 mila euro e per i giovani che vogliono essere in condizione di uscire dalla famiglia. C'è poi - ha aggiunto - una prima parte di intervento sul "piano casa" con 700 milioni destinati a questo capitolo tra social housing e edilizia popolare. Si deve poi sottolineare come con i 400 milioni destinati al Fondo per la non autosufficienza si sostengano le misure di assistenza rivolte ai non autosufficienti, mentre la legge relativa sarà nei collegati alla Finanziaria». Per Ferrero «si tratta perciò complessivamente di un primo chiaro segnale di come la lotta all'evasione fiscale serve a ridistribuire il reddito verso chi continua a non arrivare a fine mese. Da questo punto di vista il limite più grande di questa manovra è l'eccesso di timidezza per la tassazione delle rendite, che avrebbe infatti permesso di rendere ancora più consistente la redistribuzione. Si deve anche segnalare come il capitolo relativo alle imprese sia stato realizzato a costo zero. Adesso si tratta di lavorare ai collegati della Finanziaria e in particolare a migliorare il pacchetto sul welfare e a incidere concretamente nella lotta alla precarietà», ha concluso Ferrero. Critiche sono arrivate anche da Marco Rizzo, coordinatore Nazionale dei Comunisti Italiani: «L'accordo su pensioni e welfare è pessimo - ha commentato - E va cambiato sostanzialmente, perché non si possono tradire le aspirazioni di chi ci ha votato, per vedere il cambiamento». A sostenere la tesi di una modifica al documento che riguarda il welfare Bonelli, perché «sostenere che il protocollo sul Welfare non si tocca è sbagliato. È inammissibile che un giovane che entra da precario nel mondo del lavoro non sappia il giorno in cu

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500