cerca

STUDIO SVIMEZ

Sale il livello dell'occupazione Non a Rieti e in altre 8 province

Fanno eccezione solo nove province che hanno fatto registrare un calo: Vercelli, con 800 occupati in meno pari a -1,1%; Asti, 700 unità in meno pari a -0,8%; Padova, 6100 unità in meno pari a - 1,8%; Gorizia, 1600 unità in meno pari a -2,8%; Ascoli Piceno, 1300 unità in meno pari a -0,9%; Rieti, 2700 unità in meno pari a -5%; Salerno, 4900 unità in meno paria a - 1,5%; Matera, 300 unità in meno pari a -0,4%; Caltanissetta, 3600 unità in meno pari a - 4,8%. È quanto rileva uno studio Svimez di prossima pubblicazione, che fotografa l'andamento del mercato del lavoro nelle 103 province italiane tra il 1999 e il 2002.
Secondo i dati Svimez, dunque, tra il '99 e il 2002 in ben 94 province su 103 vi è stata crescita di posti di lavoro. Nelle prime sette posizioni delle province che hanno registrato i maggiori incrementi troviamo: Catanzaro, 19,3% pari a 18mila 500 nuovi occupati in più; Belluno, 16,2% pari a 14mila 400 nuovi occupati; Frosinone, 15,1% pari a 22mila 600 nuovi occupati; Avellino, 14% pari a 18mila 400 nuovi occupati; Enna, 13,3% pari a 5mila 300 nuovi occupati; L'aquila, 13,1% pari a 12mila 700 nuovi occupati; Verbania, 12,8% pari a 8mila 200 nuovi occupati; Latina, 11,8% pari a 20mila 600 nuovi occupati; Reggio Emilia, 11,7% pari a 23mila 500 nuovi occupati. Lo Svimez fa notare che «per L'Aquila, Catanzaro ed Enna le buone performances sono derivate dagli aumenti del settore dei servizi, mentre ad Avellino si è avuto anche un sensibile aumento nel settore industriale».
In 91 province su 103, invece, rileva ancora lo Svimez, si è registrata una diminuzione del tasso di disoccupazione. In termini percentuali i cali più vistosi si sono verificati, sia al sud che al Nord, in province già caratterizzate da livelli bassi di disoccupazione rispetto alla media della ripartizione territoriale di appartenenza. È il caso di Teramo (-58,6%) e Pescara (-47,8%) al sud e Imperia (-58,2%) e Arezzo (-50,9%) al Centro Nord. Tali province in tre anni hanno dimezzato il numero dei disoccupati. Per contro, forti aumenti di disoccupati si sono registrati ad Agrigento (+38,6%) e a Crotone (+ 27,6%), dove il tasso di disoccupazione è passato rispettivamente dal 17,4% del'99 al 22,4% del 2002 e dal 17,5% del'99 al 20,3% del 2002. Ma anche a Isernia, Salerno, Cagliari, Latina e Treviso sono aumentati i disoccupati.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni