cerca

LA PROPOSTA DI GALAN

Comunisti, che fare? Esportiamoli in Emilia


È stato il presidente della regione Lombardia, Roberto Formigoni, ad aprire le danze parlando dei tre pilastri della politica della regione Lombardia - sussidiarietà, federalismo e concetto del bello - «che fanno di noi - ha spiegato - i veri riformatori oggi in Italia».
Il sindaco di Milano, Gabriele Albertini, ha invece esposto alcuni dati della sua amministrazione e parlato della «cultura del risultato» che la supporta. «Le municipalizzate hanno tutte chiuso in positivo il bilancio 2002 - ha detto - mentre in questi anni abbiamo creato 37.000 nuovi posti di lavoro nella nostra città. Risultati concreti che possono veramente essere esportati».
Anche gli altri amministratori intervenuti alla tavola rotonda - Enrico Hullweck, sindaco di Vicenza, Ombretta Colli, presidente della provincia di Milano, Raffaele Fitto, presidente della regione Puglia, Sandro Balletto, presidente della provincia di Cagliari e Nicola Frugis, presidente della provincia di Brindisi - hanno esposto i dati delle rispettive amministrazioni soffermandosi sui punti di forza e sulle cose realizzare nel mandato elettorale.
Ma un tocco di umorismo l'ha portato Giancarlo Galan, presidente del Veneto, che ha proposto di esportare «i comunisti. Meglio senza di loro - ha detto - portiamoli tutti in Emilia Romagna». Il presidente ha poi criticato i sondaggisti («Non ne azzeccano una»). Ma Galan ha anche ricordato che «dopo 37 anni, con l'aiuto di questo Governo, siamo riusciti a far decollare in Veneto il "passante di Mestre" e il "Mose", il sistema per la difesa di Venezia».
Gli ha risposto il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, che, ricordando la sua precedente esperienza amministrativa a Muggia (Trieste), comune storicamente a maggioranza di sinistra, ha ricordato che «se proprio non vogliamo esportarli i comunisti li possiamo sempre convertire. Come ho fatto io a Muggia - ha spiegato - dove Forza Italia ha oggi il 34% dei consensi». Mauro Pili, presidente della Sardegna, ha ricordato gli accordi con alcune compagnie aeree «per poter volare a Milano e a Roma con 40 euro. Un modo - ha aggiunto - per togliere dall'isolamento la regione già penalizzare dall'essere un'isola».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo