cerca

Pubblica amministrazione, il futuro nella qualità

Riforma della burocrazia e realizzazione della devolution punti strategici del programma della Cdl

La mega-rassegna nella quale si fa il bilancio e si indica il futuro dell'attività dello Stato e di tutte le realtà amministrative a tutti i livelli, giunge mentre ormai non è lontano il giro di boa di una legislatura nella quale governa una maggioranza che ha fatto del cambiamento della burocrazia e della costruzione di uno Stato federale due dei suoi obiettivi strategici fondamentali. Inoltre, per restare su un terreno più concreto, sono in ballo proprio in questo periodo i rinnovi contrattuali di tre milioni di dipendenti dei vari settori appunto del pubblico impiego.
Pubblica amministrazione adeguata o non adeguata vuole dire moltissimo per lo sviluppo o per il declino di un Paese. La qualità e la quantità dell'istruzione determinano il futuro della società, il sistema sanitario deve provvedere alla tutela della salute dei cittadini, il sistema fiscale deve reperire le risorse, l'efficienza delle burocrazie centrale e locali può essere determinante per la nascita e lo sviluppo delle imprese senza il quale non si creano lavoro e ricchezza, e così via. Considerazioni che dovrebbero essere ovvie, ma che vengono alla ribalta nel momento in cui si intende realizzare una rivoluzione dell'organizzazione sociale ed economica nazionale.
Non a caso sono in programma numerosissimi convegni, praticamente su tutti i campi della Pa, nel corso delle 5 giornate del Forum. E non a caso questa mattina si comincerà parlando dell'innovazione e delle risorse umane con i ministri Lucio Stanca, Stefania Prestigiacomo e Luigi Mazzella (titolari rispettivamente dell'Innovazione e Tecnologie, delle Pari opportunità e della Funzione pubblica) insieme fra gli altri ai rappresentanti dei Comuni, delle Regioni, degli imprenditori, e si proseguirà nel pomeriggio col ministro delle Comunicazioni Gasparri, coi sottosegretario alla Funzione Pubblica Learco Saporito e agli Interni Antonino D'Alì.
Il comitato scientifico ha indicato dieci «azioni di cambiamento» sulle quali è necessario impegnarsi. Sono: ottimizzare l'uso delle risorse, misurare i risultati, fornire servizi di qualità, comunicare con i cittadini, accelerare i processi di federalismo, favorire l'autonoma iniziativa dei cittadini. E ancora: investire nelle risorse umane, favorire la competitività del paese e diffondere l'innovazione, partecipare alla costruzione di una Pa europea, garantire la sicurezza di cittadini e delle imprese.
Obiettivo generale sarà quello di individuare gli strumenti per passare «dalle leggi ai manuali e dalle regole ai risultati, presentando le azioni necessarie affinché le pubbliche amministrazioni restituiscano valore ai contribuenti.
Fra gli argomenti nodali che saranno affrontati, quello della formazione dei dipendenti pubblici.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500