cerca

Fininvest: «Confermata la nostra correttezza»

È questo il commento che il gruppo di Segrate rilascia sulla sentenza emessa ieri, a tarda ora, sul processo Lodo Mondadori-Imi Sir. Una nota messa a punto nella notte per puntare il dito contro una decisione definita «aberrante dalla realtà e dalla logica».
«La sentenza della quarta sezione penale del tribunale milanese - afferma la Fininvest - da anni preannunciata da una serie di segnali univoci, e particolarmente dal rigetto sistematico delle istanze della difesa, suscita sconcerto ma non sorpresa. Si tratta di una decisione, che dovrà peraltro passare al vaglio dei successivi gradi di giudizio, aberrante dalla realtà e dalla logica. Perchè si basa su una tesi accusatoria non suffragata dal benchè minimo elemento di prova».
«Anni di accanimento investigativo - ricorda la Fininvest - non sono riusciti a scalfire la validità giuridica della pronuncia con cui la Corte d'Appello di Roma annullò il risultato del cosiddetto "Lodo Mondadori". Una pronuncia che oltre a essere coerente con l'indirizzo dominante della giurisprudenza dell'epoca e di buona parte della dottrina, fu presa all'unanimità dai tre membri del collegio e ha influenzato la legislazione successiva in materia di accordi parasociali.
Come è noto, la vicenda Mondadori si risolse poi grazie a intese negoziali raggiunte dopo trattative svoltesi liberamente e nella più assoluta trasparenza. Fininvest - conclude la nota del Gruppo - conferma la totale correttezza dei propri comportamenti, in attesa che giustizia sia finalmente fatta».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni