cerca

«Sono innocente, vittima di persecuzioni»

La difesa: otterremo ciò che ci spetta, cioè l'assoluzione. In Italia la legge non è uguale per tutti


Il parlamentare ha avuto appena il tempo di ordinare una pizza per sé e per i presenti che aspettavano il verdetto in via Cicerone 60 a Roma e per iniziare a pensare alle prossime mosse per tornare al contrattacco. Barricato nel suo studio per otto ore il deputato di Forza Italia è riuscito comunque a urlare la sua rabbia, a esprimere la totale amarezza ma allo stesso tempo la voglia di ricominciare una battaglia giudiziaria con i magistrati milanesi iniziata anni fa.
«È stato condannato un innocente, è la più grave delle ingiustizie», ha tuonato l'avvocato Alessandro Sammarco cinque minuti dopo la lettura della sentenza di condanna di fronte a trenta giornalisti che da ore attendevano davanti all'ingresso dell'edificio dell'avvocato Cesare Previti. Il difensore si è dovuto infatti fermare sulla soglia del palazzo per parlare con i cronisti, circondato anche lui da due guardie del corpo. «È l'ennesimo errore giudiziario, ma non ci fermeremo di certo qui - ha proseguito il difensore - il mio cliente non è stato giudicato dal giudice naturale». E lo stesso Previti, che ha lasciato lo studio alle 24,30, attraverso un comunicato di venti righe ha voluto sottolineare: «L'unica cosa che sussiste in questo processo è la persecuzione giudiziaria che con questa sentenza ha raggiunto il suo culmine». E anche il penalista Sammarco ha lanciato delle vere e proprie sfide ai giudici milanesi, sostenendo che alla fine di questa vicenda giudiziaria la verità emergerà: «Prima o poi uscirà fuori quello che c'è dietro questo processo, le anomalie riaffioreranno, il processo ha avuto un iter drammatico; a Milano la legge processuale è stata cancellata». Dopo i primi secondi di silenzio, appena è venuto a conoscenza della sentenza di condanna accanto ad amici, parenti e al collega il parlamentare ha subito espresso la sua totale volontà di combattere per dimostrare la sua innocenza: «Hanno portato a termine quello che si erano prefissi di fare. Quali altri commenti? Per giungere a questa condanna hanno commesso abusi e omissioni, hanno costruito in laboratorio un teste falso - si legge nel comunicato consegnato ai giornalisti dal difensore Sammarco - che è stato smentito in ogni sua delirante affermazione, hanno occultato prove a mio favore, nascosto verbali a discarico, distrutto le prove delle loro manipolazioni. E i giudici, come pubblici ministeri di complemento, hanno coperto tutto ciò, calpestando sentenze della Cassazione e della Corte Costituzionale, ignorando ogni comportamento ai limiti del reato dei pm». «Questa è una sentenza profondamente ingiusta - ha dichiarato in aula l'avvocato di Previti Giorgio Perroni - noi non ci arrendiamo e cominceremo a pensare subito al futuro per cercare di ottenere ciò che ci spetta, cioè l'assoluzione». È stata presa di mira dall'avvocato Sammarco anche la targa che è affissa nelle aule di giustizia "la legge è uguale per tutti": «Queste parole in Italia non valgono, di fronte a un'ingiustizia bisogna sempre reagire». I giudici hanno disposto nei confronti di Cesare Previti l'interdizione dall'esercizio della professione di avvocato per cinque anni.
Dopo aver letto le motivazioni i difensori dell'imputato presenteranno infine appello contro la sentenza di primo grado e non è escluso che nei motivi del ricorso possa essere richiesta di nuovo dai difensori l'incompetenza territoriale dei giudici di Milano.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Jennifer Lopez bella e sensuale ai Billboard Latin Music Awards

Incidente in fabbrica, migliaia di litri di succo di frutta nelle strade
Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce