cerca

Liguria, referendum sui buoni scuola

A essere chiamati a esprimersi sull'abrogazione della legge regionale 2002, n.14, sugli «Interventi a sostegno delle famiglie per favorire il percorso formativo degli allievi delle scuole statali e paritarie» sono un milione 413 mila elettori di cui 749 mila donne e 663 mila e 700 uomini.
I seggi resteranno aperti dalle 8 alle 21 e le operazioni di spoglio inizieranno subito dopo la chiusura dei seggi.
A chiedere la consultazione - il primo referendum regionale in Liguria - è stato il Comitato per il Sì, un ampio ventaglio di formazioni politiche e associazioni tutte favorevoli all'abrogazione della legge accusata di favorire la scuola privata .
Al Comitato hanno aderito, tra gli altri, le organizzazioni sindacali, svariate associazioni di genitori e insegnanti, l'Arci, il Forum sociale di Genova e tutti i partiti della sinistra e del centro sinistra con l'esclusione della Margherita che ha lasciato libertà di coscienza.
A favore della legge, invece, tutto lo schieramento del centro destra che ha invitato i liguri a votare No o a disertare i seggi.
Perché i risultati delle urne abbiano validità è necessario che venga raggiunto il quorum del 50 per cento più uno degli aventi diritto al voto, e cioè che si rechino alle urne almeno 706 mila e 516 votanti.
La erogazione di agevolazioni per sostenere le famiglie per mandare i figli a scuola, a prescindere dal fatto che questa sia gestite dallo Stato oppure no, è uno degli argomenti scelti dal Cdl come punto qualificante dei suoi programmi e la sinistra ha sempre affermato che questo finisce per sabotare l'istruzione pubblica.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi