cerca

Martusciello: patti di potere tra Bassolino e De Mita

È quanto sottolinea Antonio Martusciello, coordinatore regionale di Forza Italia e sottosegretario all'Ambiente. Per Martusciello «è assolutamente prematuro avviare il toto-candidati», ma comunque - assicura - la scelta della Casa delle Libertà «avrà Forza Italia come principale maker decisionale». Secondo l'esponente di Forza Italia «Bassolino è ormai in caduta libera di credibilità: non è detto che per il successore una designazione che provenga da lui sia il miglior viatico. Si tratta di un'eredità scomoda». Anche perchè - sottolinea - «è sotto gli occhi di tutti gli osservatori imparziali quanto il centrosinistra versi in uno stato comatoso». Se Bassolino deciderà di ricandidarsi «è chiaro che dovrà rispondere - afferma l'esponente azzurro - di quello che non ha fatto. Se invece decide di andare via, questa incombenza ricadrà sulla coalizione che lo ha sostenuto». Secondo Martusciello tra Bassolino e De Mita, infine, «non ci sono patti segreti: gli accordi di potere sono sotto gli occhi di tutti». Secondo Antonio Martusciello per gli undici anni trascorsi da Antonio Bassolino si può tracciare «un bilancio negativo, con molti annunci e pochi fatti: non c'è stato sviluppo ma solo progetti fumosi». L'esponente di Forza Italia sostiene che è emersa «una oggettiva incapacità a definire una missione per Napoli prima e la Regione poi che fosse utile allo sviluppo ed a una crescita economica e sociale: una continua mistificazione della realtà tesa a far intendere all'opinione pubblica - secondo Martusciello - che ci fosse un progetto reale invece del nulla programmatorio».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi