cerca

Trasporto locale il I° maggio disagi in vista per sciopero


Per bus, metro e tram quel giorno non vige infatti la franchigia prevista per il trasporto aereo e ferroviario fino al 2 maggio, e i sindacati di base hanno deciso di scegliere una data simbolo per una protesta a sostegno della vertenza contrattuale.
Lo sciopero di 24 ore è nazionale, ma alcune città sono escluse a causa dell'invito della Commissione di garanzia a differire le agitazioni per quei Comuni per i quali è già stato proclamato uno sciopero nell'arco temporale rilevante ai fini della «rarefazione». L'astensione è stata quindi differita a Firenze, Benevento, Grosseto, Udine, Messina e Napoli, oltre che in tutta la regione Liguria.
I rischi maggiori - spiega il coordinatore del settore per i sindacati di base, Gianpietro Antonini - ci saranno a Milano e nelle altre città lombarde. In quell'area, infatti, i Cobas hanno adesioni più alte rispetto al resto del territorio nazionale (oltre il 20%, afferma Antonini). «Tra voti e iscritti - dice Antonini - pesiamo di più delle oltre 3.000 tessere che abbiamo, soprattutto tra il personale viaggiante».
Meno convinti che lo sciopero possa determinare disagi per l'utenza sono invece i sindacati confederali, che hanno firmato un'intesa con l'Atm per il lavoro durante il primo maggio.
«Oltre al superfestivo - spiega Emilio Savino della Filt-Cgil - chi lavorerà il primo maggio avrà anche diritto al recupero di sei ore o al pagamento delle stesse. Io credo che i lavoratori seguiranno quell'accordo. E comunque - conclude - nell'ultimo sciopero i Cobas hanno avuto adesioni del 4%».
La protesta invece non dovrebbe procurare alcun disagio a Roma. Nella capitale, infatti, vige un accordo secondo il quale i dipendenti dell'Atac lavorano il primo maggio su base volontaria. Improbabile quindi che chi decide di lavorare si metta poi in sciopero.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni