cerca

Prodi, slitta il ritorno sulla scena italiana Si parla di una proroga del mandato europeo per il professore bolognese sino alle elezioni del 2006

Tornerà? E se sì, quando?
Di certo lui, il presidente della Commissione Europea, segue con attenzione quanto accade in Italia ma non sembra metterci troppo le mani. Sa, per averlo provato, che la politica italiana è come i fili ad alta tensione: il rischio è di bruciarsi le mani.
L'unica data certa sulla sua agenda è il primo novembre 2004: quel giorno scadrà il mandato di presidente della Commissione Ue. È da escludere quindi che il professore bolognese si candidi alle elezioni europee che si terranno a giugno dell'anno prossimo anche perché proprio Prodi ha detto che non si dimetterà prima della fine del mandato. E dopo? Che cosa farà? «Troppo presto per dirlo» replicano da Bruxelles. E il ticket per le politiche 2006 con Bassolino? «È l'ultima che abbiamo sentito» dicono dalla sede dell'Ue. Intanto, fioccano le ipotesi.
Proprio a Bruxelles sta prendendo sempre maggiore quota l'ipotesi che a Prodi venga affidato un incarico pro-tempore, una sorta di proroga dell'attuale, una commissione-ponte per le riforme. I lavori della Convenzione europea termineranno a fine giugno, poi una commissione intergovernativa dovrà procedere alla realizzazione dei progetti designati dalla commissione presieduta da Giscard d'Estaing. Alla fine il tutto coinciderà con le nuove elezioni europee e con la concretizzazione delle procedure di allargamento che prevederanno l'ingresso dei dieci nuovi Paesi. Una fase molto complessa, un vero ingorgo istituzionale, nel quale potrebbero trovarsi i partners. Diciamo una situazione di sostanziale paralisi. Senza un accordo di un sostituto e soprattutto con le riforme da realizzare, i partners Ue potrebbero decidere di lasciare Prodi dov'è per almeno un anno e mezzo, sino al 2006, il tempo necessario per terminare almeno la fase delle ratifiche ai trattati di adesione (in alcuni casi sono necessari anche i referendum confermativi). Così il leader in pectore del centrosinistra potrebbe tornare in tempo per le elezioni politiche italiane.
Altra ipotesi invece è una commissione-ponte lunga, che resti in piedi tre o quattro anni. In questo caso sarebbe necessaria per completare l'intera fase delle ratifiche, ma si correrebbe il rischio di far saltare la corresponsione temporale tra commissione e parlamento europeo. Proprio per questo è possibile che il periodo delle riforme possa essere affidato a un coordinamento parlamentare alla guida del quale potrebbe aspirare Prodi in quanto è il presidente dell'allargamento.
L'ex presidente del Consiglio per ora sta a guardare. Si muove poco e molto dietro le quinte. «Lancia ipotesi, vede le reazioni e sonda il terreno» dicono invece a Strasburgo. Può farlo perché sa che in questa fase a Roma l'Ulivo (o quel che resta) lo reclama. Ragion per cui il prode Romano con il centrosinistra ridotto così male non vuole tornare. «A meno che...» fanno sapere da Bruxelles. E giù le condizioni, al momento insolvibili per i suoi fans italiani. Una su tutte: l'unità della coalizione.
Più difficile, ma non impossibile, l'ipotesi di un nuovo mandato europeo al professore bolognese. Bisognerà vedere però con quale sistema. Non è ancora chiaro, infatti, con quale metodo la Convenzione deciderà di scegliere il futuro presidente. Designazione dei governi come oggi? O indicazione da parte delle grandi famiglie politiche (socialisti, popolari etc). «Ma qui stiamo parlando di chi vincerà lo scudetto fra sei campionati...» fanno sapere dalla Commissione.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni