cerca

SPONSOR in rivolta: il varietà del sabato sera di Raiuno ha perso 6 milioni di spettatori in cinque anni ...


Dal 1998 a oggi si è passati dai 9-10 milioni di spettatori (con share superiori spesso al 50%) delle edizioni tra il '95 e il '99 di «Carramba», con la Carrà, per passare agli 8-9 milioni di Panariello (share dal 34% al 41%), fino a arrivare alle performance di Fiorello, con «Stasera Pago Io», che ha superato gli 11 milioni (55% di share). Negli ultimi due anni invece una progressiva discesa: 6 milioni e mezzo per «La Bella e la Besthia» con il duo Dalla-Ferilli (29% share); 6 milioni per Morandi con «Uno di Noi» (29%); ancora 6 milioni (con uno share che cala al 25%) per Claudio Amendola, per arrivare infine ai poco più di 4 milioni (19%) di «Sognando Las Vegas» condotto da Luisa Corna.
Per i pubblicitari e aziende è allarme. «Ogni sabato sera di Raiuno manda in fumo milioni di Euro, con una perdita negli investimenti proporzionale alla perdita degli ascolti e che si aggirerebbe attorno al 50% rispetto alle previsioni». Da qui un appello: «Più ironia e grandi personaggi per salvare il sabato sera Tv» e stop a attori del cinema che si improvvisano presentatori e alle solite soubrette; meglio piuttosto personaggi della radio, anche se il sogno restano i grandi mattatori: da Celentano a Benigni.
«Si registra un allontanamento costante del pubblico dalla formula geriatria del varietà - spiega Saro Trovato, presidente di Meta Comunicazione -. Per fare ascolti il sabato sera sono necessari i grandi personaggi carismatici o, come hanno dimostrato i successi di Maria De Filippi e Jerry Scotti, persone normali all'interno di format collaudati».
Spiega Fabio Albanese, amministratore delegato di Starcom Mediavest: «Negli ultimi mesi (l'ultimo sabato è un esempio clamoroso) si sta assistendo a un appiattimento generale dei programmi che si assomigliano sempre di più, un livellamento al ribasso della qualità degli show con conseguenze negative sugli ascolti e quindi sulla voglia di investimenti».
Ma nonostante i risultati sempre più «drammatici» in termini di ascolti, le aziende e gli esperti di comunicazione al varietà credono ancora: ben il 58% è convinto che si debba mantenere in palinsesto e, anche se il 28% dice che ormai ha un senso solo se abbinato alla Lotteria, solo il 7% degli intervistati sostiene poi che si tratti di un genere ormai superato. Tutti infine concordano (90%) che l'attuale formula debba essere cambiata. Per il 65% va rivisto ruolo, provenienza e tipologia del presentatore.
Tra le critiche: troppo spazio a balletti (54%), show troppo ingessati (49%) e poco spazio a ironia e sorpresa (42%). In molti sottolineano poi come i varietà siano «troppo distanti dal mondo reale e dal quotidiano» (36%), e troppo poco coinvolgenti, per il pubblico a casa e in studio (33%).
Rispetto ai varietà del passato la gran parte (48%) lamenta la mancanza di un grande personaggio mentre il 21% non trova l'elemento della straordinarietà dell'evento. E se per il 15% gli autori non si sono resi conto del cambiamento del pubblico, il 9% pensa che mancano del tutto idee nuove e originali.
Ma da quale settore dovrebbe arrivare il personaggio salva-varietà? La soluzione, a detta del 39% degli intervistati, va cercata nella radio: personaggi ironici (36%), che non basano la loro professionalità sulla fisicità, ma sulla capacità di intrattenere e di mantenere alta l'attenzione (25%). Non solo, a una grande preparazione, i personaggi radiofonica sommano la novità, non essendo inflazionati come i personaggi del piccolo schermo. Non a caso alcuni personaggi di maggior successo del piccolo schermo, vengono proprio dalla radio: oltre a Fiorello, Gerry Scotti, Amadeus, ma anche la Gialappa's, Camila Raznovich e Fabio Volo. Speranza dei pubblicitari resta quella dei grandi nomi dello spettacolo. Meta Comunicazione ha compilato così, assieme a pubblicitari e esperti di marketing, la lista delle cinqu

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi