cerca

«La decontribuzione non deve determinare vuoti contributivi»

A breve anche noi ci incontreremo con il ministro del Welfare per trovare una soluzione comune e chiudere la riforma entro giugno». Francesco Cavallaro, segretario generale della Cisal, guarda al futuro con ottimismo.
L'obbligatorietà del trasferimento del trattamento di fine rapporto nei fondi e il taglio dei contributi per i neo assunti sono l'oggetto del contendere. Qual è la posizione della Cisal?
«Siamo contrari all'obbligatorietà della destinazione totale o parziale del Tfr per diversi motivi: per la probabile incostituzionalità della posizione, per il fatto che il rendimento dei Tfr accantonati è superiore a quello di quasi tutti i fondi esistenti, ma soprattutto per il grande rilievo sociale dei Tfr, che rappresenta una risorsa importante per i lavoratori nel momento delicato del passaggio dal lavoro alla pensione».
E il taglio dei contributi?
«È necessario evitare che la decontribuzione prevista dal disegno di legge determini vuoti contributivi difficilmente colmabili nell'avvenire. La Cisal è favorevole a misure dirette a ridurre il costo del lavoro al fine di favorire la competitività del nostro sistema produttivo e quindi incrementare l'occupazione».
Che cosa ne pensa di una Maastricht delle pensioni, ipotizzata dal premier Berlusconi?
«Non credo sia facile impartire regole che possono adattarsi a tutti i Paesi».
Quali Paesi sono all'avanguardia in Europa nel sistema previdenziale?
«Francia e Fran Bretagna. Dovremmo guardare a loro».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Jennifer Lopez bella e sensuale ai Billboard Latin Music Awards

Incidente in fabbrica, migliaia di litri di succo di frutta nelle strade
Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce