cerca

«La decontribuzione non deve determinare vuoti contributivi»

A breve anche noi ci incontreremo con il ministro del Welfare per trovare una soluzione comune e chiudere la riforma entro giugno». Francesco Cavallaro, segretario generale della Cisal, guarda al futuro con ottimismo.
L'obbligatorietà del trasferimento del trattamento di fine rapporto nei fondi e il taglio dei contributi per i neo assunti sono l'oggetto del contendere. Qual è la posizione della Cisal?
«Siamo contrari all'obbligatorietà della destinazione totale o parziale del Tfr per diversi motivi: per la probabile incostituzionalità della posizione, per il fatto che il rendimento dei Tfr accantonati è superiore a quello di quasi tutti i fondi esistenti, ma soprattutto per il grande rilievo sociale dei Tfr, che rappresenta una risorsa importante per i lavoratori nel momento delicato del passaggio dal lavoro alla pensione».
E il taglio dei contributi?
«È necessario evitare che la decontribuzione prevista dal disegno di legge determini vuoti contributivi difficilmente colmabili nell'avvenire. La Cisal è favorevole a misure dirette a ridurre il costo del lavoro al fine di favorire la competitività del nostro sistema produttivo e quindi incrementare l'occupazione».
Che cosa ne pensa di una Maastricht delle pensioni, ipotizzata dal premier Berlusconi?
«Non credo sia facile impartire regole che possono adattarsi a tutti i Paesi».
Quali Paesi sono all'avanguardia in Europa nel sistema previdenziale?
«Francia e Fran Bretagna. Dovremmo guardare a loro».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni